Spazio: i satelliti meteo diventano “sentinelle” per sorvegliare i meteoriti

MeteoWeb

meteoriti tsunamiI satelliti per le previsioni meteo possono diventare sentinelle utili per sorvegliare i meteoriti, lo testimoniano i dati raccolti dai satelliti meteo nel febbraio scorso, durante l’esplosione del meteorite di Chelyabinsk. Lo studio, realizzato da un gruppo di ricercatori dell’Universita’ del Colorado e pubblicato sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti (Pnas), dimostra che questo metodo puo’ aiutare a scoprire maggiori dettagli sull’origine di questi corpi celesti e monitorare anche le aree scarsamente abitate. L’impatto di asteroidi di medie e grandi dimensioni, superiori a una decina di metri, e’ un fenomeno piuttosto raro che puo’ avere conseguenze molto gravi ma del quale sappiamo molto poco. La scarsita’ di informazioni e’ dovuta non solo alla rarita’ di questi eventi, ma al fatto che gli impatti possono avvenire in zone remote del pianeta e sfuggire all’occhio umano. L’esplosione del meteorite di Chelybinsk, avvenuta sui cieli della Russia pochi mesi fa, ha pero’ ora permesso di mettere a punto un ‘nuovo’ tipo di sentinelle in grado di analizzare le tracce di eventuali impatti anche in aree desertiche. I ricercatori statunitensi hanno infatti testato gli strumenti a bordo delle decine di satelliti in orbita per lo studio del pianeta, come quelli meteorologici, e verificare come possano fornire preziose informazioni. Grazie a queste sentinelle spaziali si potra’ evitare di ‘perdere’ l’impatto di meteoriti come avvenne ad esempio a Tunkguska nel 1908, quando un corpo celeste provoco’ un’enorme esplosione in una vasta regione della Siberia. Dell’impatto, che se fosse avvenuto in aree urbane avrebbe avuto conseguenze catastrofiche, si ebbero solo pochissime testimonianze e comunque da persone distanti centinaia di chilometri dal sito.