Trapianti: “maratona” al Bambino Gesù, 3 interventi in 12 ore

MeteoWeb

trapianto testaTre trapianti in 12 ore su tre piccoli pazienti tra i 2 e i 10 anni. Fegato e reni sono stati prelevati da unico donatore pediatrico. Una maratona trapiantologica che ha impegnato due equipe di specialisti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesu’. 20 medici e infermieri, parte dei quali provenienti dalla sede di Palidoro, hanno lavorato in parallelo in due sale operatorie per ottimizzare i tempi, serrati, che caratterizzano gli interventi di trapianto. Le operazioni di espianto degli organi dal donatore sono iniziate intorno alle 7 di mattina. Fegato e reni compatibili con i tre piccoli in lista d’attesa sono arrivati al Bambino Gesu’ grazie a un volo organizzato dell’Aeronautica Militare.  Alle ore 12 tutto pronto nella sede di Roma-Gianicolo per il primo intervento, quello di fegato, organo che richiede la maggiore tempestivita’ perche’ piu’ facilmente deteriorabile. Sono seguiti i trapianti di rene su altri due bambini. Le due e’quipe sono state coordinate da Jean De Ville De Goyet, direttore del Dipartimento Chirurgico del Bambino Gesu’ e da Nicola Capozza, responsabile di Chirurgia Urologica. “Si e’ trattato di una serie di interventi complessi che abbiamo potuto affrontare grazie al sistema organizzativo, logistico e alla professionalita’ del personale medico e non – ha sottolineato Jean De Ville De Goyet, direttore del Dipartimento Chirurgico del Bambino Gesu’ -. Mentre i 20 membri delle equipe trapiantologiche erano impegnati nelle due camere operatorie, l’Ospedale e’ stato in grado di rispondere contemporaneamente ad altre urgenze di alta complessita’. Quando c’e’ in gioco la salute di un bambino, l’Ospedale da’ il massimo. Un grazie va anche a tutti quei genitori generosi e sensibili che, nonostante il dolore della perdita, fanno si’ che altre giovani vite possano essere salvate”. I trapianti eseguiti domenica 6 ottobre sono perfettamente riusciti e i tre bambini che hanno ricevuto il nuovo organo stanno bene.