Vajont: domenica a Longarone la conferenza internazionale dei geologi

MeteoWeb

vajont_2Domenica 6 Ottobre – Ore 9 e 30 – Palazzetto dello Sport di Longarone – Conferenza Internazionale dei Geologi sul Vajont – sotto L’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

Il figlio di Edoardo Semenza, anch’egli geologo, illustrera’ i risultati dei rilievi e gli studi effettuati dal padre prima della tragedia.

Edoardo Semenza e’ il geologo che riconobbe l’esistenza di un’enorme antica massa di frana sul versante sinistro della Valle del Vaiont, poco a monte della diga allora in costruzione. I risultati dei suoi rilievi , dei suoi studi sull’assetto geologico e geomorfologico della Valle del Vajont tra gli anni 1959 e 1961  verranno illustrati dal figlio di Edoardo, Pietro Semenza, anch’egli geologo .

vajontUna storia importante , una testimonianza importante ma ce ne saranno anche tante altre alla Conferenza Internazionale sul Vajont , in programma Domenica 6 Ottobre , al Palazzetto dello Sport di Longarone , sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica con l’arrivo di centinaia di geologi da tutta Italia. Sará davvero un appuntamento con la storia , con la riconciliazione .

Con  mio padre ho sempre condiviso – ha affermato Pietro Semenza , figlio di Edoardo –  la convinzione dell’importanza della conoscenza della geologia come base fondamentale per la buona riuscita di qualsiasi opera ingegneristica: conoscenza che deve essere tanto più approfondita quanto maggiore è la complessità del progetto da realizzareIn tale ottica esporro’, con l’ausilio di numerose immagini fotografiche e documenti tratti dalle relazioni originali degli studi sulla valle del Vaiont, la situazione geologica dei versanti a monte della diga, così come si presentavano prima e durante il riempimento dell’invaso, che provocò l’enorme movimento franoso del 1963. In tali immagini sono visibili molti dettagli geologici e geomorfologici, attualmente completamente mascherati, ma che allora consentirono ad Edoardo Semenza di riconoscere l’esistenza della paleofrana e la sua potenziale pericolosità”.

disastri VAJONTAssume particolare rilevanza quindi, durante il Convegno organizzato dal Consiglio Nazionale dei Geologi nella ricorrenza dei 50 anni dal tragico evento dell’ottobre ’63, un

contributo alla conoscenza dei dettagli della situazione pre-frana, ai fini di una corretta ed efficace prevenzione di simili conseguenze in progetti analoghi, nei quali gli aspetti geologici condizionino così fortemente la realizzazione di un’opera e gli eventuali rischi connessi alla mancata applicazione di tutte le necessarie contromisure.

“La capacità di leggere le dinamiche del territorio – ha affermato Gian Vito Graziano, Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi – la sua evoluzione morfologica, la capacità di analizzare, di definire modelli ed ipotizzare scenari di evoluzione, in altre parole la capacità di applicare i propri saperi alle esigenze tecniche di una casa, di una diga, di una discarica o di una condotta è una prerogativa dei geologi italiani. La geologia applicata nasce dal Vajont e dopo il Vajont, di cui i geologi hanno fatto tesoro, su cui hanno costruito la propria professione, sotto il profilo tecnico, tecnologico, scientifico e morale”.

Disastro_VajontPietro Semenza insieme ai fratelli Michele e Paolo ha collaborato con il padre alla stesura del libro “ La  storia del Vaiont”, pubblicato nel 2001 (ora ed. k-flash) poco prima della sua morte, ed in seguito, nel 2004, alla redazione del volume con cd-rom “Le foto della frana del Vaiont” (ed. k-flash), a cura di Giovanni Masè, Michele Semenza, Paolo Semenza, Pietro Semenza e Maria Chiara Turrini.

All’inizio di quest’anno, ha collaborato alla realizzazione della mostra itinerante “La storia del Vaiont, la conoscenza della frana attraverso le foto di Edoardo Semenza”, organizzata dall’Associazione Italiana di Geologia Applicata ed Ambientale e dallo stesso Consiglio Nazionale dei Geologi, a cura di Monica Ghirotti, Francesco M. Guadagno, Giovanni Masè, Michele Semenza, Paolo Semenza, Pietro Semenza.

La mostra è già stata esposta nelle sedi di numerose Università italiane, e sarà presente al Convegno di Longarone del 6 ottobre 2013 e a quello di Padova dell’8-9 ottobre 2013, e da oggi è online sul sito: http://www.k-flash.it/mostra_vajont/.

vajont04I geologi , per la prima volta a distanza di 50 anni , presenteranno alla stampa il libro –  dossier sul Vajont . 

 Il calendario degli eventi e’ fitto di appuntamenti importanti . Si iniziera’ Sabato 5 Ottobre , alle ore 14 e 30 con una conferenza stampa nazionale dei geologi presso la sede dell’Amministrazione Comunale di Longarone . Domenica 6 Ottobre   testimonianze , racconti , storie ed analisi durante la Conferenza Internazionale organizzata sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica , in programma dalle ore 9 e 30 al Palazzetto dello Sport di Longarone, Zona Malcolm. Durante la Conferenza verra’ presentato per la prima volta il libro  –  dossier  inedito sul Vajont di Alvaro ValdinucciRiccardo Massimiliano Menotti.  Lunedi’ 7 Ottobre i geologi saranno proprio sulla frana del Monte  Toc dove alle ore 11 e 30 terranno un breve briefing stampa durante una geoscursione che avra’ inizio alle ore 10 con partenza dal Palazzetto dello Sport  (Longarone ) verso la valle del Vajont e la frana del Monte Toc.