Filippine: super tifone Haiyan, il disastro isola per isola

MeteoWeb

Foto aeree tifone Haiyan - FilippineAlmeno 10 mila morti in una sola citta’, Tacloban, totalmente rasa al suolo dalla tempesta. Oltre 660.000 sfollati. Mancano acqua e cibo. Nel complesso, sono 11,3 milioni le persone colpite dal supertifone Haiyan, secondo le ultime stime delle Nazioni Unite. Ecco una fotografia del disastro, isola per isola, provocato dalla tempesta, una delle piu’ forti mai registrate nell’arcipelago. Leyte Island. E’ l’isola piu’ colpita dal tifone. Il suo capoluogo di provincia, Tacloban, e’ stato devastato dai venti che soffiavano oltre i 300 km/h. A Leyte, dove vivono circa 1,7 milioni di persone, si sono alzate onde di cinque metri. L’area e’ ancora disseminata di cadaveri. Qui si e’ registrato il maggior numero di vittime, e qui si concentrano gli sforzi della comunita’ internazionale, dove in mattinata sono sbarcati 90 marine per prestare soccorso alla popolazione. Samar Island.
Foto aeree tifone Haiyan - FilippineLe foto scattate da testimoni e fotoreporter sul posto mostrano interi tratti di costa distrutti. A Samar il bilancio provvisorio conta 433 morti, ma il numero e’ destinato ad aumentare. Guiuan. La municipalita’ di Eastern Samar ha scritto una delle pagine piu’ oscure della catastrofe. Se poche settimane fa veniva definita una ”vivace comunita”’ di 47 mila abitanti, oggi i media locali raccontano di bande di uomini armati che minacciano di uccidere i sopravvissuti per accaparrarsi il cibo. Cebu Island. E’ una delle localita’ turistiche piu’ note. Qui sono morte almeno 56 persone. La capitale, Cebu City, considerata il secondo piu’ importante centro commerciale del Paese, e’ stata lievemente colpita dal tifone. Il timore viene riservato al resto dell’isola, dove vivono circa 866.000 cittadini.   Malapascua Island. E’ una piccolissima isola popolare tra gli appassionati di sub. ”Haiyan” l’ha devastata: ha distrutto case, resort, alberghi. Decine di imbarcazioni sono state ritrovate sulle cime degli alberi. Non e’ chiaro quante persone siano rimaste uccise. Panay Island. Il bilancio delle vittime, a Panay, dove vivono ben 2,9 milioni di abitanti perlopiu’ pescatori, e’ invece di 200 persone. Boracay Island. Qui il tifone ha distrutto una facciata di uno dei piu’ popolari resort del Paese. La spiaggia e’ colma di detriti di bancarelle andate in frantumi. Palawan Island. E’ in gran parte un deserto incontaminato, scampato alla violenza del tifone. Ad essere colpita e’ stata solo la citta’ di Coron, un’esclusiva localita’ turistica dove sono morte 9 persone. Il sindaco Clara Reyes ha denunciato la mancanza di cibo e acqua. Negros Island. Il cuore delle coltivazioni di zucchero. Qui sono state evacuate circa 89 mila persone. L’isola ne ospita 4 milioni. Finora non sono stati segnalati decessi.