La Tempesta di San Martino è sull’Italia: mappe e allerta dell’aeronautica militare per oggi e domani

/
MeteoWeb

01Il servizio meteorologico dell’Aeronautica militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia. Situazione: un intenso fronte freddo sulle regioni centro-meridionali. Ad esso sono associati aria instabile e venti molto forti specie sulle aree tirreniche. Tempo previsto fino alle 24 di oggi. Nord: nubi sulle alpi orientali, il basso Veneto e l’Emilia Romagna con precipitazioni temporalesche associate. Ancora un po’ di nubi con residue piogge durante la prima parte della giornata tra i settori centro-meridionali di Friuli Venezia Giulia e Veneto e sulla parte centro-orientale dell’Emilia Romagna ma con tendenza a deciso miglioramento dal pomeriggio. Prevalenza di cielo sereno sul resto del settentrione sin dal primo mattino.
02Centro e Sardegna: nuvolosita’ consistente un po’ su tutte le regioni peninsulari ad eccezione dell’alta Toscana dove piu’ importanti saranno le schiarite. Le nubi saranno associate a precipitazioni diffuse anche temporalesche e di forte intensita’ tra Marche, Abruzzo, Umbria, e zone interne della Toscana e Lazio ed assumeranno carattere nevoso intorno ai 1500 metri. Parziale attenuazione dei fenomeni sul Lazio a fine giornata. Sulla Sardegna nubi e precipitazioni che localmente assumeranno carattere temporalesco, i fenomeni risulteranno piu’ significativi nella seconda parte della giornata e sui settori orientali dell’isola. Sud e Sicilia: copertura nuvolosa diffusa su tutte le regioni ad eccezione delle zone interne della Basilicata e della Puglia centrale. La nuvolosita’ sara’ accompagnata da fenomeni intensi, anche temporaleschi su Molise, Campania, aree tirreniche di Basilicata e Calabria e sulla Sicilia centro settentrionale, mentre le precipitazioni saranno piu’ sparse e moderate sul resto del meridione. Temperature: massime in decisa diminuzione ad eccezione del nord dove i valori non subiranno sostanziali variazioni. Venti: sulle regioni ioniche e su quelle del basso Adriatico da moderati a forti sud-occidentali; sulle aree tirreniche meridionali forti da occidentali tendenti a ruotare da nord; sulle restanti regioni molto forti settentrionali fino a burrasca forte, ad eccezione delle aree pianeggianti dl nord dove risulteranno di debole o moderata intensita’. Mari: da molto agitati a grossi il Tirreno, il Mare ed il Canale di Sardegna e lo Stretto di Sicilia; da agitati a molto agitati l’alto Adriatico ed il Mar Ligure a largo; molto mossi i rimanenti mari con tendenza a divenire agitato lo Ionio.

03Il servizio meteorologico dell’Aeronautica militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per la giornata di domani, martedi’ 12 novembre. Nord: generalmente cielo sereno o poco nuvoloso su tutte le regioni. Qualche corpo nuvoloso residuo potra’ interessare le aree pianeggianti dell’Emilia Romagna e del Veneto al primo mattino, ma la nuvolosita’ tendera’ rapidamente a diradarsi anche su questi settori. Centro e Sardegna: sulle regioni adriatiche cielo coperto e precipitazioni continue e persistenti, i fenomeni potranno risultare nevosi al di sopra dei 1500 metri. Sull’Umbria nubi e possibilita’ di precipitazioni sparse. Sulla Toscana generalmente sereno o poco nuvoloso. Sul Lazio e sulla Sardegna alternanza nelle schiarite e nella copertura nuvolosa che a tratti potra’ risultare consistente ed essere associata e temporanei rovesci di pioggia, specie sui settori orientali dell’isola. Tendenza, su quest’ultime regioni, ad attenuazione della nuvolosita’ e dei fenomeni nel corso del pomeriggio.
04Sud e Sicilia: sulle regioni adriatiche sui settori ionici e sulla Sicilia cielo molto nuvoloso associato a precipitazioni localmente temporalesche. Sulla Campania e sui settori tirrenici di Basilicata e Calabria nuvolosita’ irregolare, ma a tratti piu’ consistente ed associata a temporanei rovesci di pioggia. Temperature: massime in aumento su gran parte della penisola, meno deciso il rialzo delle minime che riguardera’ le aree centro meridionali, stazionarie le minime al nord. Venti: al centro nord e sulla Campania orientali o nord orientali, di intensita’ forte sulla Toscana e sulla Sardegna, moderati sulle restanti aree del centro con locali rinforzi, generalmente deboli al nord. Sulle restanti aree del sud meridionali, tendenti a divenire Sud-orientali, di intensita’ moderata con locali rinforzi sulla Puglia salentina. Mari: agitato il Mare ed il Canale di Sardegna ed i settori occidentali del Tirreno centro meridionale. Molto mossi i restanti bacini.