Maltempo estremo in Abruzzo: tre paesi e un borgo isolati nel teramano

MeteoWeb

maltempoRestano sempre isolati i paesi di Pietracamela, Intermesoli e Fano Adriano sul versante del Gran Sasso teramano, le cui provinciali di accesso sono state invase e bloccate da valanghe di fango e pietre nel corso del nubifragio di ieri. I tecnici della Provincia prevedono di aprire in serata un varco sulla diramazione della provinciale 43/A, accessibile pero’ soltanto ai mezzi di soccorso. Analogamente, a qualche chilometro di distanza, lungo la statale 80 per L’Aquila, non e’ raggiungibile con le auto ma soltanto a piedi il borgo di Poggio Umbricchio, frazione del Comune di Crognaleto, a causa di un vasto smottamento a poca distanza dall’abitato. In questa zona vengono tenuti sotto controllo gli invasi dell’Enel di Campotosto, Provvidenza e Piaganini: in quest’ultimo lago viene monitorato un argine che e’ a rischio. Sulla statale 80 ad Aprati si viaggia a una corsia unica in direzione Teramo. Riaperta al transito dal tardo pomeriggio la Bonifica del Salinello dopo l’interruzione all’altezza del ponte dell’A14 per la caduta di pezzi di cemento, restano al momento 11 le strade provinciali ancora vietate al traffico. Sono la 49 di Valle Castellana sul versante ascolano per un ratto di circa 13 chilometri; la 42 di San Giorgio; la 43 di Pietracamela; la 67 di Cerqueto; la 8/C di Favale a Ponzano (bivi per localita’ Villa livieri e Palazzese); la 49/I nel tratto bivio di Chiarino all’abitato di Tossicia; la provinciale per Befaro, prima dell’abitato; la 23/B di Valviano; la 69 di San Vito; la 65 di Ronzano, dall’opificio Salumieri di Castel Castagna direzione Pilone; la 49/C di Valleinquina. Dopo le piccole e ripetute esondazioni di ieri, sono tornati nei livelli di guardia i fiumi Vomano e Tordino.