Previsioni Meteo, dopo le alluvioni arriva il freddo: da domani temperature in picchiata

/
MeteoWeb

20Continua a imperversare il maltempo sull’Italia a causa del profondo ciclone Mediterraneo di cui, su MeteoWeb, avevamo annunciato la nascita con largo anticipo: non solo la terribile alluvione in Sardegna (18 morti accertati), ma anche la situazione critica in Calabria (dove si teme ci siano vittime) e i forti temporali in atto sul Salento dove Lecce è colpita in questi minuti da un violento nubifragio (oltre 80mm di parziale giornaliero nelle zone più colpite). Nella Calabria centrale jonica, tra Catanzaro e Crotone, sono caduti oltre 200mm stamattina presto, tra le ultime ore della notte e le prime dopo l’alba.
29Mentre a Venezia l’acqua alta sfiora i 130cm per lo scirocco, il fronte freddo del ciclone sta arrivando sulla Sardegna dove oggi pomeriggio ci saranno altre forti piogge su tutta la Regione con temperature in netto calo, nevicate oltre i 1.600 metri e forti venti ciclonici intorno all’isola con un impetuoso libeccio nelle zone meridionali dell’isola tra qualche ora (e quindi altre violente mareggiate). Altre forti piogge nelle prossime ore colpiranno le Regioni tirreniche nel pomeriggio/sera, poi il ciclone si sposterà verso nord/est e allora, mentre ancora domani imperverserà il maltempo su gran parte del Paese e soprattutto nel basso Tirreno con forti temporali tra Campania, Calabria e Sicilia, da nord/ovest arriverà il freddo con temperature in picchiata in modo particolare al nord.
07Dopodomani, giovedì 21, la neve arriverà a quote molto basse sulle Alpi (fin quasi nei fondovalle) e in collina tra Liguria, Toscana ed Emilia Romagna. Inizierà a nevicare intorno ai 1.000 metri anche tra Lazio e Sardegna, dove continuerà a imperversare il maltempo senza alcuna sosta. Venerdì forti piogge interesseranno tutte le Regioni tirreniche con violenti nubifragi in Campania, dove nevicherà copiosamente oltre i 1.300 metri di quota. Precipitazioni abbondanti al nord/est, con copiose nevicate sin dalle quote collinari, e fiocchi fin nei fondovalle ed a bassissima quota al nord/ovest, in modo particolare nelle zone alpine della Valle d’Aosta e del Piemonte.
Nel weekend un nuovo impulso freddo farà diminuire le temperature in tutt’Italia, con maltempo diffuso su gran parte del Paese, in attesa poi che la prossima settimana arrivi la prima vera e propria ondata di gelo da nord/est, con possibili nevicate fin in pianura al nord. Ma di questo parleremo nei prossimi aggiornamenti.