Salute, Aids: grazie alla ong One, per 16 Stati africani è l'”inizio della fine” dell’epidemia di Hiv

MeteoWeb

AIDS AFRICA - CopiaLa ong One, co-fondata dal cantante Bono, in un rapporto in vista della “Giornata mondiale contro l’Aids” del 2 dicembre, sottolinea che i progressi nella lotta all’Aids in Africa sub-sahariana sono a un punto di svolta in alcuni Paesi, mentre altri sono molto indietro. Il documento sottolinea che dei 35 milioni di malati al mondo, 25 si trovano nell’Africa sub-sahariana. Per 16 Stati, con in testa Ghana, Malawi e Zambia, si puo’ parlare di “inizio della fine” dell’epidemia di Hiv, mentre altri come Cameroun, Nigeria e Togo sono ancora molto indietro. Il rapporto sottolinea:  “Se si guarda al mondo in generale l’obiettivo di avviare ‘l’inizio della fine’ dell’epidemia entro il 2015 appare a portata di mano”.