Super tifone Haiyan, il mondo si mobilita per aiutare le Filippine: le tragiche FOTO del disastro

/

JAY1288-271556-01-02-20131109-110010_MGzoomAssistenza di emergenza del Programma alimentare mondiale delle Nazioni unite al governo nelle Filippine per aiutare le persone colpite dal super tifone Haiyan. “La devastazione a Tacloban che abbiamo visto oggi è scioccante”, ha detto il direttore del Pam nelle Filippine, Praveen Agrawal. “La gente ha perso la propria casa e i propri averi, i danni alle infrastrutture sono notevoli. Il nostro pensiero va alle famiglie colpite da questo terribile tifone. Il Pam è pronto a fornire tutta l’assistenza possibile”. Il Pam ha subito messo a disposizione 2 milioni di dollari per la risposta all’emergenza ma ha lanciato un appello per ulteriori fondi via via che risulteranno chiari i bisogni.
JAY1290-271705-01-02-20131109-113410_MGzoomNel frattempo, 40 tonnellate di biscotti ad alto contenuto energetico verranno spediti, nei prossimi giorni, da Dubai. Essi sono l’alimento utilizzato nelle primissime fasi di un’emergenza perché poco ingombranti nel trasporto ed pronti all’uso. Il Pam sta anche pensando a una serie di altri prodotti alimentari per stabilizzare la situazione nutrizionale e rispondere ai bisogni immediati alimentari.  Gli stock alimentari di emergenza del Pam nel Paese sono ai minimi a causa del precedente intervento per assistere quanti colpiti dal terremoto recente a Bohol e gli sfollati a causa del conflitto a Zamboanga, oltre a quanto è servito per le normali operazioni di assistenza. Il Pam sta anche lavorando con il governo per rafforzare la logistica e le telecomunicazioni di emergenza. Donazioni per l’assistenza alimentare a famiglie e bambini nelle Filippine www.wfp.org/typhoon.

JAY1287-271500-01-02-20131109-104744_MGzoomIL 40% DELLE PERSONE COLPITE SONO BAMBINI – Piu’ del 40% dei 4 milioni di persone stimate colpite dal supertifone Haiyan, sono bambini sotto i 18 anni di eta’. E’ quanto rileva in una nota l’Unicef, esprimendo preoccupazione per le famiglie colpite che, secondo il National Disaster Risk Reduction and Management Council (Ndrrmc), sono 944.586, pari a 4,28 milioni di persone. “Le Nazioni Unite, insieme con l’Unicef – si legge nella nota -, stanno collaborando con il governo attraverso la Ndrrmc per effettuare operazioni di soccorso e di risposta alla popolazione colpita. L’Unicef condurra’ una rapida valutazione ed e’ pronto a guidare la risposta insieme ai partner e alle ONG. Lo staff verra’ dedicato agli interventi di emergenza e si sta organizzando un supporto di emergenza anche da altri uffici”. Serve pero’ “un sostegno per consentire di rispondere alle esigenze di tutti i bambini e le famiglie colpite. Il nostro massimo impegno sara’ quello di garantire che i bambini vulnerabili e piu’ colpiti siano protetti”, ha detto il Rappresentante di Unicef Filippine, Tomoo Hozumi. L’agenzia dell’Onu per l’infanzia, presente nelle Filippine fin dal 1948, “e’ profondamente preoccupato dell’impatto del disastro sulla salute e il benessere dei bambini. Le Filippine hanno avuto molti disastri di quest’anno e Haiyan e’ la terza grave catastrofe nel giro di due mesi, dopo il conflitto armato a Zamboanga nel mese di settembre e il terremoto a Bohol a meta’ ottobre”.