Tanta neve fresca in Trentino Alto Adige, alto rischio valanghe

MeteoWeb

valanghe2Trentino e’ stato interessato dal passaggio di un fronte freddo, che ha apportato precipitazioni abbondanti, particolarmente intense nella notte il 21 e il 22 novembre. Il limite delle nevicate, inizialmente tra i 1.600 e i 1.800 metri, si e’ progressivamente abbassato, attestandosi nella fase piu’ intensa intorno ai 500 metri circa. Gli apporti di neve fresca sono stati significativi a partire dai 1.200 metri circa, dove si misurano dai 20 ai 30 centimetri, e risultano invece abbondanti oltre i 1.800 metri, con valori cumulati che superano i 60 centimetri. Fino ai 2.000 metri circa, la neve fresca e’ andata a depositarsi direttamente su un terreno non ancora gelato e si prevede pertanto una veloce evoluzione, con piccoli scaricamenti di neve a debole coesione da tutti i pendii piu’ ripidi e un successivo assestamento del manto nevoso. Alle quote piu’ elevate, specie sugli apparati glaciali, la situazione e’ piu’ delicata, con un manto nevoso al suolo che raggiunge valori significativi (oltre i 150 centimetri). Distacchi spontanei, anche di medie dimensioni, saranno possibili da tutti i pendii piu’ ripidi. La nevicata inoltre, specie in quota, e’ stata accompagnata da forte vento ed una attivita’ eolica di forte intensita’, con venti tendenti a ruotare da nord e’ prevista anche per i prossimi giorni. Con la presenza di accumuli eolici in continua formazione, localizzati soprattutto nelle zone di cresta e in canaloni alle quote piu’ elevate, gia’ con un debole sovraccarico (passaggio di un singolo sciatore) sara’ possibile provocare il distacco di valanghe a lastroni.