Giornata internazionale della montagna, Cirillo: lavoriamo su turismo senza auto nelle Alpi

MeteoWeb

catena alpina da novara“Promuovere un sistema di mobilita’ sostenibile in grado di rappresentare un’alternativa credibile alle auto. E inserire nella programmazione europea 2014-2020 una serie di interventi per promuovere un turismo senza auto nella regione alpina”. Sono queste le priorita’ indicata dal sottosegretario al Ministero dell’Ambiente con delega alla montagna, Marco Flavio Cirillo, nel corso del suo intervento alla nona edizione dello Swomm (Scientific Workshop on Mountain Mobility and Transports), che si e’ svolto oggi, in occasione della Giornata internazionale della montagna, nella sede delle Nazioni Unite a Vienna. L’appuntamento, organizzato dal Ministero dell’Ambiente in collaborazione con il Programma delle Nazioni unite per l’Ambiente (Unep), l’Accademia europea di Bolzano (Eurac), l’Universita’ di Camerino e l’Agenzia Austriaca per l’Ambiente, e’ stato incentrato sulla 8421476-inverno-nelle-alpi-svizzere-melchsee-frutt-lucerna-svizzerarelazione tra mobilita’ sostenibile e turismo sostenibile per accrescere l’attrattivita’ delle aree montane. “Creare un sistema di mobilita’ sostenibile che consenta ai milioni di turisti che ogni anno visitano le Alpi di spostarsi facendo a meno dell’auto significa non solo rendere ancora piu’ forte la capacita’ di attrazione delle regioni alpine, ma anche migliorare la qualita’ della vita di residenti e turisti e agire per preservare gli habitat naturali e il capitale culturale”, ha spiegato Cirillo. “Le diverse esperienze dei gruppi di lavoro che si sono confrontati oggi nell’ambito dello Swomm dimostrano che un cambiamento di questo tipo e’ possibile: per questo intendiamo inserire interventi per la promozione della mobilita’ e del turismo sostenibile nella strategia macroregionale che la Convenzione delle Alpi presentera’ la prossima settimana a Bruxelles, con l’obiettivo di promuoverne il valore aggiunto tra tutti i 28 Stati dell’Unione Europea e non solo tra quelli alpini”.