Tempesta di Natale: le grandi nevicate sulle Alpi hanno salvato il nord da una disastrosa alluvione

/
MeteoWeb

02Le grandi nevicate che nelle scorse ore hanno letteralmente seppellito le Alpi sotto tantissima neve, hanno “salvato” il nord da quella che sarebbe stata una disastrosa alluvione: le precipitazioni provocate dalla “Tempesta di Natale”, infatti, sono state davvero eccezionali, con picchi vicinissimi ai 500mm in Veneto e ai 450mm in Liguria in meno di 48 ore. Grandi piogge, con oltre 400mm di accumulo, anche in Friuli Venezia Giulia, mentre tra Piemonte e Lombardia le località più piovose hanno superato i 300mm, comunque un dato ragguardevole.
06I corsi d’acqua sono andati tutti in piena provocando danni e disagi in molte località. In Veneto una donna anziana è stata travolta e uccisa proprio dalla furia di un fiume in piena, mentre in Liguria ci sono state molte esondazioni. Se, però, le temperature fossero state più elevate e anche sulle Alpi anzichè neve fosse caduta pioggia, la situazione sarebbe diventata insostenibile per tutti i corsi d’acqua del nord che, a partire dal Po (già adesso preoccupante), che avrebbero dato vita senza alcun dubbio a devastanti esondazioni che avrebbero inondato persino ampie zone abitate. Gli accumuli nivometrici sulle zone alpine sono stati eccezionali, con picchi superiori ai 200cm e localmente anche ai 250cm su vaste porzioni di territorio. Solo la solidità della precipitazione nevosa, quindi, ha evitato che la “Tempesta di Natale” si trasformasse in una drammatica sciagura, ed il merito è tutto della “dama bianca”.