Vasto buco coronale sul Sole: in arrivo le prime aurore polari del 2014

MeteoWeb

 

Credit: SDO - NASA
Credit: SDO – NASA

I campi magnetici dell’emisfero nord del Sole hanno aperto un vasto buco coronale, osservato come al solito dal Solar Dynamics Observatory della NASA. I buchi coronali sono zone più scure e più fredde dell’atmosfera solare, in cui i flussi di campi magnetici vengono catturati dal vento solare invece che ricadere sulla superfice della stella, come descritto da Karen Fox del Goddard Space Flight Center di Greenbelt, Maryland. Inoltre queste aree più fredde possono influenzare i corpi circostanti il sole dato che emettono particelle solari ad una velocità tre volte superiore di quella del vento solare, secondo la definizione della Nasa. Vengono osservate da secoli ma ancora non ne sono state chiarite le cause. La frequenza varia a seconda della fase di attività solare. Un flusso di vento solare potrebbe raggiungere la Terra tra il 2 ed il 3 Gennaio, scatenando tempeste geomagnetiche polari. Saranno le prime aurore polari del 2014.