Maltempo in Toscana: 1.300 evacuati, 1.500 senza luce e gas

MeteoWeb

ArnoCirca 1.300 persone sono ancora evacuate dalle loro abitazioni a causa del maltempo in provincia di Pisa e altre 1.500 sono senza luce, gas e acqua a Ponsacco (Pisa), su 16.000 residenti, dove l’abitato e’ stato alluvionato per la rottura di un argine del fiume Era, affluente dell’Arno. La maggior parte degli evacuati (1.200), temendo proprio un’alluvione dell’Arno, e’ stata allontanata con ordinanza di protezione civile dalle loro case a San Miniato dopo che oggi, verso le 13, il fiume ha superato l’argine e invaso con violenza una cassa di espansione in costruzione. L’Arno ha tracimato con forza a ridosso di localita’ La Roffia, ora paese-fantasma dove gli accessi sono vietati e sorvegliati dalle forze dell’ordine, che con megafoni e altoparlanti pattugliano le strade. Il comune di San Miniato ha ospitato una trentina di anziani in alberghi ed rsa e dato assistenza a circa 300 cittadini in un palasport. A Ponsacco sono gia’ iniziati i lavori di ripristino dell’argine rotto; rimangono evacuate 25 persone, notevoli i danni materiali causati dall’allagamento del centro storico. A Volterra evacuate 12 famiglie per la frana che interessa le mura medievali; domani restano chiusi i licei e le scuole a Saline. Campagne allagate in tutta la Toscana, anche nel Livornese, per la fuoriuscita del fiume Cecina. La zona di Rosignano Mazzanta e’ percorribile in sicurezza solo con mezzi anfibi. Allagamenti anche nella Maremma settentrionale dove i vigili del fuoco intervengono con gli ‘hovercraft’. Problemi importanti anche nel Pratese e in provincia di Pistoia, sia nella pianura, dove il reticolo idrico e’ ai limiti di saturazione, sia sulla montagna, dove le frane tengono ancora bloccata la strada per l’Abetone. Notevoli in tutta la regione i problemi alla viabilita’ per smottamenti e crolli per cui sono disposti itinerari alternativi.