Accadde oggi: 4 anni fa il devastante terremoto di magnitudo 8.8 in Cile

MeteoWeb
Gli effetti del terremoto del 2010 in Cile
Gli effetti del terremoto del 2010 in Cile

Sono trascorsi già quattro anni dal quella terribile giornata, eppure il ricordo è ancora vivo. Parliamo del devastante terremoto che si verificò al largo della costa del Cile centrale, sabato 27 febbraio 2010, alle 03:34 ora locale. Fu avvertito fortemente in sei regioni cilene (da Valparaíso a nord fino ad Araucanía nel sud), che insieme costituiscono circa l’80% della popolazione del paese. Secondo lo United States Geological Survey (USGS) le città più colpite furono Arauco e Coronel. Il terremoto fu avvertito nella capitale Santiago in maniera molto forte, mentre le scosse furono percepite in molte città argentine, compresa Buenos Aires, Córdoba, Mendoza e La Rioja. Tremori si sono fatti sentire a nord fino alla città di Ica nel sud del Perù (ca. 2400 km di distanza).
cileIl terremoto innescò uno tsunami che, purtroppo, demolì diverse città costiere centro-meridionali del Cile e danneggiando il porto di Talcahuano. Avvisi di Tsunami furono emessi in 53 paesi, e l’onda causò danni di lieve entità nella zona di San Diego della California e nella regione di Tohoku in Giappone. Il terremoto generò un blackout che colpì il 93% della popolazione del paese e che andò avanti per diversi giorni in alcune località. Il presidente Michelle Bachelet dichiarò lo “stato di catastrofe” e ordinò alle truppe militari di prendere il controllo delle zone più colpite. Secondo fonti ufficiali, 525 persone persero la vita, 25 persone scomparvero e circa il 9% della popolazione nelle regioni colpite persero le loro case.