Facebook compra WhatsApp per la folle cifra di 19 miliardi di dollari

MeteoWeb

fb_big-U43000324648449JgG-U43010584531100cHF-398x174@Corriere-Web-NazionaleDopo aver acquistato le eccellenti “prestazioni” di Instagram per 715,3 milioni di dollari, Mark Zuckerberg non si ferma, e continua ad allargare il proprio impero. Facebook infatti acquista anche la nota applicazione di messaggistica WhatsApp per 19 miliardi di dollari in contanti e azioni. Lo afferma proprio Facebook, che in base all’accordo raggiunto, acquisterà le azioni e le opzioni WhatsApp con 183,9 milioni di azioni Facebook, valutate 12 miliardi di dollari. A questi si aggiungono 4 miliardi di dollari in contanti e 3 miliardi di dollari di azioni vincolate per i fondatori e i dipendenti di WhatsApp. Il co-fondatore e ad di WhatsApp Jan Koum entrerà inoltre nel consiglio di amministrazione di Facebook.

Quali saranno i cambiamenti? – Ecco il dictat di WhatsApp, che sul proprio blog ufficiale afferma: “Here’s what will change for you, our users: nothing”, (Ecco quel che cambierà per voi, nostri utenti: nulla). Ma proprio nulla non sarà. Quantomeno ci si attende un’implementazione della chat di Facebook, probabilmente utilizzando il nuovo acquisto. Ecco alcune dichiarazioni di rito, che sanciscono il passaggio: “WhatsApp è sulla strada per connettere un miliardo di persone. Un servizio che raggiunge tale pietra miliare ha un valore incredibile” afferma Zuckerberg. “La rapida crescita di WhatsApp è spinta dalle semplici, potenti e istantanee capacità di messaggistica istantanea che offriamo – afferma invece Koum (Whatsapp) -. Siamo onorati di poter essere partner di Mark e Facebook mentre continuiamo a portare il nostro prodotto a un numero crescente di persone nel mondo”.

Un po’ di numeri – WhatsApp ha un’utenza davvero vastissima. SI tratta di 450 milioni di utenti al mese (un numero che sale di un milione al giorno), dei quali circa il 70% lo usa tutti giorni, in quello che è un tasso di coinvolgimento superiore a quello degli “amici” di Facebook. La produzione di messaggi è spaventosa, circa 27 miliardi di “messaggini” al giorno.