Giappone, la neve paralizza il Paese: 12 morti, 1500 feriti e traffico in tilt

MeteoWeb

Japan Daily LifeLa seconda nevicata del mese di febbraio ha colpito l’area ad ovest del Giappone, lasciando dietro di sé oltre 10 morti e centinaia di feriti, il traffico paralizzato e interruzioni generalizzate di elettricità. Dopo i 27 centimetri di neve caduti tra l’8 e il 9 febbraio scorsi, sulla zona di Tokyo è nevicato nuovamente e la coltre bianca ha raggiunto i 30 centimetri, un livello che non si registrava da 45 anni. Il livello record spetta però a Yamanashi, nel centro del Giappone, dove sono caduti 114 centimetri di neve.

L’agenzia meteorologica nazionale ha riferito che nella giornata di domenica un sistema di bassa pressione si sta dirigendo verso nord, ed è questo a generare nevicate appena fuori Tokio. Da venerdì i media riportano 12 morti accertati e ben 1.500 feriti in tutto in Paese per incidenti connessi al meteo.

Il tetto di un centro commerciale è collassato nella periferia di Tokio e due treni nei pressi di Kawasaki si sono scontrati a causa delle rotaie rese scivolose dal ghiaccio. Quasi 20.000 case sono senza elettricità.

Centinaia e centinaia di voli sono stati cancellati, ed i passeggeri, come anche gli sfortunati automobilisti, sono rimasti bloccati per ore chi negli aeroporti e chi nel traffico, obbligando le autorità a fornire cibo e servizi igienici nelle zone più problematiche.