Il gelicidio sulla neve provoca una catastrofe in Slovenia: Paese in ginocchio [FOTO e VIDEO]

/
MeteoWeb

DSC_0952Il maltempo sta sferzando la Slovenia, dove 250.000 utenze sono rimaste senza corrente elettrica. Nella zona di Postumia si registra la situazione piu’ difficile, dove il black out e’ cominciato venerdi’. In soccorso con gruppo elettrogeni, Austria, Germania e Slovacchia. Molte strade e scuole chiuse, treni fermi, 500mila ettari di boschi danneggiati dalla galaverna, un deposito di ghiaccio in forma di aghi, scaglie o superficie continua ghiacciata. Alcune zone sono rimaste anche senza acqua. In aiuto della popolazione delle zone piu’ colpite dal maltempo, e’ intervenuto anche l’esercito, su richiesta della protezione civile.

L’Agenzia per l’ambiente slovena (Arso) ha proclamato lo stato d’allerta per l’intero paese ieri sera a causa dei fenomeni estremi. L’allerta e’ stata lanciata anche per il nord-ovest del paese per oggi e domani a causa del rischio di valanghe. La premier Alenka Bratusek ha anche chiesto aiuto dell’Ue dopo la “tempesta di ghiaccio” a Postumja, una delle zone piu’ colpite dal maltempo. Tutto questo disastro è stato provocato da un eccezionale episodio di “gelicidio”, pioggia ghiacciata caduta con temperature tra -1 e -4°C al suolo mentre in quota invece faceva molto più caldo. La mega-sciroccata che negli ultimi giorni ha duramente colpito l’Italia, è arrivata anche in Slovenia alle alte quote, lì dove però al suolo persisteva un freddo pungente. Particolarmente significativi i danni dello spesso strato di ghiaccio, caduto sull’abbondante coltre nevosa che si era accumulata al suolo nei giorni precedenti. A corredo dell’articolo alcune immagini inviateci da  Anthony P. Smaga del sito meteorologico sloveno Ciklon.si, dove potete trovare ulteriori immagini e approfondimenti.

Intanto restano chiusi i principali valichi di confine con Austria eSlovenia in provincia di Udine, a scopo cautelativo per rischio valanghe. Lo rende noto l’Anas. In particolare, la strada statale 52 Bis “Carnica” rimane chiusa tra le localita’ di Timau e il valico di confine di Passo Monte Croce Carnico (Austria) e la strada statale 54 “del Friuli” rimane chiusa a Cave del Predil, frazione di Tarvisio (Udine) al confine con la Slovenia. Anas e’ presente in entrambe le zone con proprio personale impegnato per il ripristino della transitabilita’ e per il monitoraggio della circolazione stradale.