Maltempo in Toscana: Rossi invita i sindaci ad una ferma rivolta contro il patto di stabilità

MeteoWeb

franaDopo il sopralluogo sulle strade della provincia di Siena severamente colpite dal maltempo, il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi “invita i sindaci ad una ferma rivolta contro il patto di stabilità in nome dei cittadini, affermando che non si può morire annegati per Maastricht  e neppure franati“. E’ ciò che si apprende stamane dalla homepage della Protezione Civile della Toscana. Rossi, accompagnato dal presidente della Provincia di Siena Simone Bezzini e dal vicepresidente Alessandro Pinciani, ha poi inoltre esortato i sindaci di Monteroni d’Arbia e di Asciano “a fare prima possibile i lavori di somma urgenza e poi, se non ci sono soldi, a chiedere il conto a Roma, al governo nazionale. Se facciamo bene i conti vediamo che la Regione Toscana è quella che ci ha messo più risorse. Abbiamo anticipato 16 milioni per i danni subiti nel 2013, così come abbiamo anticipato fondi anche nel novembre del 2012. Ora ci vuole un atto di coraggio. Io sono al fianco dei sindaci e se ci saranno problemi mi autodenuncerò“. Per i lavori di somma urgenza, quelli cioè finalizzati all’eliminazione di uno stato di pericolo per la pubblica incolumità a prescindere dalla disponibilita della copertura finanziaria, la legge consente di derogare alle normali procedure nel caso di eventi imprevedibili e imprevisti.