Meteo in Trentino: settimana caratterizzata dal Maltempo e dal costante pericolo valanghe

MeteoWeb

valangheSarà una settimana all’insegna del tempo perturbato quella che si apre. La Provincia autonoma di Trento avvisa che, stando agli ultimi bollettini meteorologici, le precipitazioni saranno da deboli a moderate, nevose oltre i 1000/1200 metri fino a Mercoledì 5 compreso. Dopo una breve pausa, Venerdì 6 ancora tempo instabile. Nel frattempo la situazione valanghe è costantemente tenuta sotto controllo. Si raccomanda prudenza e buon senso evitando quindi escursioni e sciate fuori pista.
Fino a questo momento i danni prodotti dal distacco di neve in alcune località trentine riguardano solo i problemi al traffico e qualche danneggiamento ad infrastrutture, come la cava ai piedi del Gran Vernel dove sono finiti sotto cinque metri di valanga i macchinari ed una cisterna. I tecnici dell’Appa hanno effettuato dei rilievi a valle del sito appurando fino a questo momento l’assenza di fuoriuscita di gasolio. passoRimangono chiusi quasi tutti i passi dolomitici, mentre nelle prossime ore (forse già alle 16) si conta di riaprire al transito la statale del Limarò, ripristinando pertanto il collegamento principale per le Giudicarie e la Rendena. Dopo l’intervento della fresa da neve della Provincia autonoma di Trento, il passo Valles è stato riaperto su entrambi i versanti. Sono in corso contatti con “Veneto Strade” per un intervento anche dal lato veneto della S.S. 346 del Passo San Pellegrino e S.S. 48 del Passo Pordoi, compatibilmente con le condizioni meteo e con il pericolo di valanghe. Oltre che sul nostro territorio, è intenso il lavoro delle squadre del Servizio Gestione strade, del Servizio prevenzione rischi e dei pompieri volontari del Primiero impegnati in provincia di Belluno per liberare alcuni centri abitato dalla neve, tagliando piante cadute e spalando neve dai tetti. Passeranno invece un’altra notte fuori casi gli 11 residenti della frazione di Presson (Monclassico, Val di Sole) evacuate a titolo prudenziale venerdì scorso, sempre a causa dell’instabilità della massa nevosa a monte dell’abitato. Rimarranno chiuse a titolo precauzionale anche la strada che da Garniga sale sul Monte Bondone. Qui, inoltre, tra le Viotte e Lagolo, la strada è ancora interrotta a causa della valanga caduta venerdì scorso.