Novità dalla scienza: la dieta gluten-free protegge anche dall’osteoporosi

MeteoWeb

downloadI numeri danno l’idea del trend di crescita della malattia. I dati epidemiologici mondiali rivelano che una persona ogni 100 soffre di celiachia, con un aumento annuo delle nuove diagnosi pari al 20%. Ma in Italia, statistiche alla mano, i conti non tornano. I celiaci censiti, stando all’ultimo rapporto del Ministero della Salute del 2012, sono soltanto poco più di 148mila: rispetto ai 600mila presunti. Secondo molti esperti, la maggior parte degli adulti non sono consapevoli di soffrire della seconda intolleranza alimentare più diffusa al mondo, dopo quella al lattosio.

DIETA E CELIACHIA – Considerando che agli inizi degli anni ’90, lungo tutta la Penisola, si stimava un celiaco ogni 1000 persone, è presto chiaro come sia cambiata l’incidenza della malattia in appena un ventennio: a causa del maggior apporto di carboidrati nella dieta quotidiana, ma anche per merito di migliorate tecniche diagnostiche. L’ approccio terapeutico non prevede alternative alla dieta senza glutine: da seguire per tutta la vita. Eliminare questa componente proteica (contenuta in frumento, orzo, farro, avena, kamut) è l’unico rimedio che, oltre a garantire una buona qualità di vita ai pazienti, li protegge da eventuali complicanze.

CELIACHIA E OSTEOPOROSI – Una di queste è l’osteoporosi, diffusa soprattutto tra gli adulti. La conferma che una dieta rigorosamente gluten-free rappresenti una valida strategia per la sua prevenzione è arrivata da uno studio appena pubblicato su The Journal of Clinical & Endocrinology and Metabolism. La ricerca evidenzia che i celiaci hanno tassi di frattura d’anca più elevati quando il danno alla mucosa intestinale è protratto nel tempo. Motivo per cui attenersi a una dieta priva di glutine contribuisce – indicazione valida soltanto per i celiaci – a ridurre il rischio di una frattura che, nel tempo, potrebbe causare altre complicazioni.

COOP E GLUTEN-FREE – Per far fronte alle loro esigenze, Coop ha lanciato nel 2005 la Linea Senza Glutine. Biscotti, pane, pasta, pizza, spuntini e prodotti surgelati: una gamma articolata, arricchitasi nel corso degli anni, di prodotti dedicati a prezzi accessibili, nello spirito che contraddistingue Coop, orientata a fornire risposte concrete a problemi specifici. La dieta senza glutine è consigliata ai pazienti celiaci con diagnosi certa. Diverso è il quadro della gluten sensitivity, la cui diagnosi avviene per esclusione della celiachia e dell’allergia al grano. La gluten sensitivity risulta sensibile alla dieta senza glutine, ma non ci sono indicazioni che ne raccomandino l’uso.