Speciale Sochi 2014: Italia avanti a medaglie di legno! Russia il balzo finale. Day 15

  • Snowboard : C. Boccaccini
    Snowboard : C. Boccaccini
  • Biathlon
    Biathlon
  • M.Valcareggi, triestino con passaporto greco
    M.Valcareggi, triestino con passaporto greco
  • Team Olanda femminile, oro e record
    Team Olanda femminile, oro e record
  • Podio sci nordico tutto norvegese
    Podio sci nordico tutto norvegese
/
MeteoWeb

ol15-4L’Italia sembra non essere così fortunata a questi giochi in terra russa e oggi arrivano altri 3 legni, per un totale di ben 8. Per chi non sapesse cosa si intende per medaglia di legno, è quel modo di dire utilizzato in gergo sportivo per coloro che arrivano quarti. Come si sa ai giochi quello che conta sono i primi 3 posti e quindi arrivare sul podio. Dunque ben otto quarti posti per l’Italia, un numero che va a pareggiare il numero di medaglie. Rimane una giornata di giochi e le speranze di vincere almeno un oro, sono oramai ridotte ad un lumicino. Se dovesse finire così, sarebbe il peggior piazzamento per l’Italia da Saint-Moritz 1948 e sarebbe la prima volta, da Sarajevo 1984, che l’inno di Mameli non risuona in un olimpiade.  L’unica consolazione che le medaglie vinte sono di più di quelle di Vancouver 2010, dove ci fermammo a 5. Lontani i 7 ori di Lillehammer e i 5 ori di Torino. Sicuramente la sorte non è stata dalla nostra parte visti i tanti quarti posti. Oggi è stata una sfida incrociata fra Italia e Austria, in snowboard e nello slalom speciale. Sulla tavola, nel parallelo, due grandi prestazioni  per la Boccaccini e per March, ma che non sono state sufficienti per raggiungere il podio. Niente da fare nemmeno per Stefano Gross nello slalom speciale di sci alpino, dove correva anche Giuliano Razzoli, l’unico oro di Vancouver 2010. Gross, che era 3° nella prima manche, in un tracciato non privo di polemiche a causa di una tracciatura molto difficile,  è fuori dal podio per soli 5 centesimi. La piccola consolazione è che in qualche modo l’Italia sia sempre lì. Buona anche la prova delle italiane nello 30 km di sci nordico dove la Norvegia segna il dominio incontrastato con Bjorgen, Johaug e Steira nelle prime tre posizioni. Bene le azzurre Brocard e Agreiter che hanno fatto un ottima prova rimanendo nel gruppo che inseguiva le norvegesi. Segnaliamo anche l’ottimo 5° posto nella staffetta maschile di biathlon, dove anche se il risultato sia andato oltre le aspettative, il bronzo era alla portata di mano. Per il pattinaggio velocità , l’Olanda, oggi chiude l’incredibile bottino vincendo in entrambe le staffette, maschile e femminile e facendo persino segnare in entrambe le prove il record olimpico. Gli Orange hanno fatto piazza pulita in questi giochi, su 12 gare di pattinaggio velocità, ne hanno vinte ben 8. Quando si dice sport nazionale. Per quanto riguarda l’Hockey maschile segnaliamo il bronzo per la Finlandia che letteralmente asfalta gli USA,ol15-9 con un netto 5 a 0 nella cosiddetta finalina. Per quanto riguarda invece il medagliere, la Russia, con i due ori di oggi e un totale di 11 balza al comando e se finisse così, eguaglierebbe il Canada che nella passata edizione, giocando in casa, aveva anche dominato il medagliere. Una settimana fa, sembrava impensabile che la Russia potesse agganciare il primo posto. Seguono la Norvegia, sempre con 11 ori, al secondo posto per differenza medaglie. Terzo il Canada e Italia al 22° posto. La Francia invece che solitamente si piazzava dietro l’Italia nelle olimpiadi invernali, sta facendo una grande edizione e si trova al 9° posto e si avvicina pericolosamente all’Italia nel totale di medaglie vinte ai giochi invernali. Ad oggi 114 per l’Italia e 109 per i transalpini. Dal punto di vista meteo nulla è cambiato,  di fatto caldo e umido, neve oramai primaverile e molto pesante. Condizioni, simili a Vancouver, caldo e forte umidità, e la vicinanza con il mare si è fatta sentire anche questa volta. Anche Pyeongchang, la piccola cittadina coreana, che ospiterà la prossima edizione del 2018 non si trova molto distante dal mare. Cosa ci dovremo dunque aspettare? Domani ultimo giorno di giochi dove si assegneranno le ultime medaglie : bob a 4, sci nordico 50 km maschile e finale maschile di hockey. Le uniche residue speranze degli azzurri possono arrivare dalla 50 km di sci nordico, uno sport che ha dato grande lustro all’Italia in passato, ma che in questa edizione purtroppo non ci ha portato per ora nessuna medaglia. Ci sarà in partenza anche il nostro veterano Di Centa, che a Torino portò a casa un oro indimenticabile.  Per quanto riguarda l’Hockey maschile, sarà la finale Svezia – Canada, Europa contro America. Meteorologicamente domani ancora cielo sereno con qualche passaggio nuvoloso. Al Laura Ski Centre, dove si disputerà la 50 km, ancora caldo con punte nel pomeriggio di +9°C. A Sochi, invece, all’Olympic Park dove si svolgerà anche la cerimonia di chiusura con una temperatura ci si attente una temperatura attorno agli +8°C durante gli ultimi atti di questi giochi. Domani si chiuderà il sipario e sarà tempo di riflessioni, una cosa è certa questi giochi non verranno ricordati per le temperature rigide.

Photo credits, Olympics, Sochi2014