Tecnologia e Salute: Tachicardia? Colpa di cellulari, pc e wi-fi

MeteoWeb

pc_cellL’avvento di pc, cellulari, rete wi-fi, oltre ad una vera e propria rivoluzione tecnologica, ha determinato l’innesco di un nuovo “problema” sanitario. Pensate al fatto che, solo negli Stati Uniti d’America, il 5% della popolazione risulta allergica al segnale elettromagnetico. La malattia nota come ipersensibilità elettromagnetica è caratterizzata, infatti, da tachicardia, febbre, mal di testa e vertigini. Come ampiamente descritto da tuttasalute.net sulla propria homepage, “uno studio in particolare, condotto presso  Karolinska Institute” di Stoccolma (dipartimento di neuroscienze), è giunto alla conclusione che questo particolarissimo tipo di allergia esiste  ed è anche significativo. Si tratta in effetti di un disturbo moderno, contemporaneo, le cui origini sono del tutto sconosciute, visto che si tratta di un problema comparso di recente, con la sempre maggior diffusione degli apparecchi elettronici che si avvalgono per il loro funzionamento di campi elettromagnetici“. Tale allergia – si legge ancora su tuttasalute.net – si manifesta con sintomi che vanno dalla cefalea alle  vertigini, tachicardia, rossore sul viso e il corpo, tutti problemi che hanno anche una certa analogia con altre forme di allergia, quelle classiche e quindi più conosciute, viste che sono studiate da tempo. L’allergia da elettromagnetismo, invece, è studiata da soli 20 anni, il che in ambito medico è un tempo decisamente breve, per cui si tratta di un fenomeno ancora poco conosciuto, anche se ormai  abbastanza diffuso.