Acqua inquinata, allarme a Roma nord: “non usatela per nessun motivo”

MeteoWeb

acqua potabileConsumo di acqua vietato fino a fine anno in alcune strade della periferia nord di Roma: e’ troppo inquinata, ha stabilito la Asl. E cosi’ il sindaco Ignazio Marino ha firmato un’ordinanza e alcune migliaia di cittadini del XIV e XV Municipio dovranno rifornirsi dai punti di rifornimento predisposti dall’Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura (Arsial). Tra le zone interessate dal divieto di usare l’acqua per cucinare e lavarsi Primavalle, Labaro e Giustiniana. L’Arsial ha in gestione gli acquedotti che dovranno essere risanati prima di passare sotto il controllo del Campidoglio. “Per evitare allarmismi e fraintendimenti, tengo a precisare che molti dei residenti delle vie coinvolte da tale disservizio si servono da sempre di pozzi e non degli acquedotti dell’Arsial – ha detto il presidente del XV Municipio Daniele Torquati -, pertanto i disagi per tali famiglie si prospettano limitati e ben gestibili”.

Nei Municipi XIV e XV sarebbero circa 500 le famiglie a cui e’ stato vietato, con un’ordinanza firmata dal sindaco di Roma, di usare acqua per uso alimentare, igiene personale e ogni altro utilizzo fino al 31 dicembre 2014. “Per evitare allarmismi e fraintendimenti – spiega il presidente del municipio XV Daniele Torquati – tengo a precisare che molti dei residenti delle vie coinvolte da tale disservizio si servono da sempre di pozzi e non degli acquedotti dell’Arsial. Pertanto i disagi per tali famiglie si prospettano limitati e ben gestibili. Tuttavia, pur non essendo di diretta competenza dell’amministrazione municipale, ci faremo promotori presso l’Arsial, che ha il compito di assicurare il rifornimento di acqua per consumo umano, affinche’ questa venga fornita dove sara’ eventualmente necessario”.