Aereo scomparso, il mistero è sempre più fitto: spuntano testimonianze e avvistamenti

Indonesia Malaysia PlaneIl Boeing 777 della Malaysian Airlines sarebbe stato avvistato sopra le Maldive intorno alle 6,15 della mattina dell’8 marzo, giorno della sua scomparsa. Lo riporta il sito maldiviano Haveeru che cita dei testimoni locali. “Non avevo mai visto un jet volare così basso sulla nostra isola. Potevo vedere chiaramente anche i portelloni dell’aereo“, ha detto uno dei testimoni all’organo di stampa. “Non sono stato il solo a vederlo, molte altre persone hanno dichiarato di aver visto esattamente la stessa cosa. Alcune sono uscite di casa per vedere cosa stesse causando un rumore così assordante“, ha detto ancora la stessa fonte, citata dall’edizione online del britannico Guardian.
Indonesia Malaysia PlaneIntanto è emerso che una delle piste virtuali su cui il capitano dell’aereo scomparso, Zagarie Ahmad Shah, si esercitava sul simulatore di volo che si era fatto installare in casa, era alle Maldive. Le altre quattro piste erano una sull’isola di Diego Garcia, nell’oceano indiano, e le ultime tre in India e nello Sri Lanka. “Non abbiamo scartato la possibilità che l’aereo sia atterrato su una pista che potrebbe non essere particolarmente monitorata“, è stato il commento della polizia malese che sta indagando sul simulatore di volo sequestrato a casa del capitano Shah.

Un radar militare della Thailandia potrebbe avere rilevato l’aereo scomparso di Malaysia Airlines pochi minuti dopo l’interruzione delle comunicazioni fra i controllori a terra e il volo MH370, sparito dai cieli del sudest asiatico lo scorso 8 marzo. Lo hanno annunciato le forze armate di Bangkok, affermando di non averlo reso noto prima perché le autorità malesi non avevano chiesto aiuto specifico in proposito.
Indonesia Malaysia Plane“Non abbiamo prestato attenzione a questa informazione”, ha spiegato il vice maresciallo dell’aria Montol Suchookorn, portavoce dell’aeronautica militare thailandese, aggiungendo. “La nostra forza aerea verifica solo le potenziali minacce contro il nostro Paese, quindi qualunque cosa che non appaia come tale viene solo annotata senza che siano presi provvedimenti”, ha aggiunto, precisando che l’aeronautica non è sicura di avere rilevato il Boeing 777 disperso. “Quando ci è stato chiesto di nuovo aiuto e abbiamo visto che il premier malese aveva rilasciato informazioni nuove, allora abbiamo controllato di nuovo. Non ci è voluto molto per cogliere il rilevamento, anche se è stato necessario l’intervento di esperti per confermarlo”, ha proseguito Montol. L’informazione non modifica sostanzialmente i dati in possesso delle autorità malesi, ma getta dubbi sul livello di condivisione delle informazioni sul mistero fra i vari Paesi. Il volo 370 decollò da Kuala Lumpur alle 00.40 ora malese dell’8 marzo e i suoi transponder hanno cessato di comunicare la posizione dell’aereo alle 1.20.
INDONESIA-MALAYSIA-MALAYSIAAIRLINES-CHINA-TRANSPORT-ACCIDENTIl rilevamento thailandese è delle 1.28, ha detto Montol, quando un radar militare “è riuscito a captare un segnale, che non rientrava nella normalità, che designava un aereo su una rotta in direzione opposta a quella originaria del volo MH-370”, verso Kuala Lumpur. Il velivolo sospetto ha poi virato a destra verso Butterworth, città malese sullo stretto di Malacca. Il segnale radar era incostante e, poiché i transponder del 777 erano spenti, non includeva indicazioni come il numero identificativo dell’aereo. Montol ha ancora dichiarato di non essere sicuro dell’orario in cui il radar thailandese ha rilevato per l’ultima volta il velivolo. L’ultimo avvistamento del Boeing da parte dei sistemi malesi è delle 2.14. Bangkok ha fatto sapere che il radar che ha individuato l’aereo sconosciuto si trova nel sud del Paese e le autorità malesi hanno indicato che il velivolo potrebbe avere volato fino al nord della Thailandia. Tuttavia il capo di stato maggiore dell’aeronautica thailandese ha escluso tale possibilità, poiché i radar nel nord non hanno rilevato nulla.