Animali: i canali delle orecchie aiutano gli alligatori a localizzare i suoni

MeteoWeb

alligatoriPer gli standard dei rettili gli alligatori sono particolarmente loquaci, oltre ad essere noti per la spiccata capacita’ di individuare con estrema precisione l’origine dei suoni. Un nuovo studio dell’Universita’ del Maryland pubblicato sul Journal of Experimental Biology ha scoperto la struttura dell’udito degli alligatori, svelando il segreto di un senso di orientamento “sonoro” cosi’ sviluppato. Le orecchie centrali degli alligatori sono collegate da due grandi canali pieni di aria. Una configurazione simile si trova anche tra gli uccelli che posseggono un canale intraurale. Per scoprire i meccanismi utilizzati dagli alligatori per localizzare i suoni i ricercatori hanno effettuato misurazioni elettrofisiologiche, biofisiche e anatomiche. “Diverse specie di vertebrati hanno sviluppato adattamenti anatomici interni o esterni per migliorare la percezione dei segnali uditivi, come padiglioni auricolari e canali intraurali” hanno spiegato gli autori. Dall’analisi delle strutture interne alla testa degli alligatori e’ stato possibile vedere chiaramente due canali che collegano le orecchie medie che trasmettono il suono tra i due timpani. Il suono raggiunge entrambi i lati del timpano – viaggiando esternamente per raggiungere il lato esterno e attraverso le strutture della testa verso il lato interno – per amplificare la vibrazione a diverse frequenze quando la testa e’ allineata con il suono. Una strategia utile a massimizzare la differenza di pressione sui due lati del timpano, ingrandendo il gap temporale tra l’arrivo del suono al timpano attraverso i due percorsi e permettere cosi’ all’animale di individuare la fonte sonora.