Aritmia cardiaca: cause e fattori di rischio, sintomi, diagnosi e cura

ARITMIA 1Il cuore è un muscolo che ha come compito fondamentale quello di far circolare il sangue in tutto il compito. In esso è presente un circuito elettrico, detto sistema eccito-conduzione, che attiva e regola la contrazione cardiaca. Normalmente la frequenza cardiaca varia tra i 60 e i 100 battiti al minuto e le contrazioni si susseguono in modo regolare. L’aritmia cardiaca è un disturbo del ritmo cardiaco o della frequenza cardiaca (cioè del numero dei battiti al minuto). Il cuore può battere troppo velocemente (si parla di tachicardia se la frequenza supera i 100 battiti al minuto) o troppo lentamente (brachicardia, se la frequenza è inferiore ai 60 battiti al minuto) o con un ritmo completamente irregolare (ad es. fibrillazione atriale). Si produce aritmia quando si ha un ritardo o un blocco dei segnali elettrici che controllano il battito cardiaco.

ARITMIACiò accade quando le speciali cellule nervose che producono i segnali elettrici non lavorano correttamente o se il segnale non viaggia in modo normale attraverso il cuore. Un’ aritmia può verificarsi anche in seguito alla produzione di un segnale elettrico all’interno del cuore, che si aggiunge al segnale prodotto dalle cellule nervose deputate. CAUSE E FATTORI DI RISCHIO: Tra i fattori di rischio più ricorrenti di un’aritmia: fumo, abuso di alcol, uso di droghe (es. cocaina e amfetamine), effetti collaterali legati all’uso di alcuni farmaci, disturbi digestivi, BPCO. Tra le altre cause: un forte stress emozionale o la collera, in grado di indurre un’accelerazione del battito cardiaco, un incremento dei valori pressori o il rilascio di particolari ormoni dello stress; un infarto cardiaco o condizioni mediche pregresse (ipertensione, patologie coronariche, disfunzioni tiroidee ce portano all’iperproduzione o all’ipoproduzione di ormone tiroideo, patologie reumatiche del cuore). In alcune forme di aritmia (es. la sindrome di WPW) possono essere convolti fattori di malfunzionamento cardiaco di tipo congenito, quindi presenti dalla nascita.

ARITMIA 2SINTOMI: Le diverse forme di aritmia si manifestano con sintomi simili: palpitazioni, senso di debolezza, affanno e, in caso di fibrillazione atriale, sensazione sgradevole al petto. La sincope (perdita di coscienza di breve durata) sopraggiunge in caso di insufficiente irrorazione sanguigna del cervello (brachicardia con meno di 20 battiti al minuto o tachicardia improvvisa con una frequenza superiore a 200 battiti scordinati al minuto). Il paziente, se coricato con gambe sollevate, riacquista rapidamente conoscenza. Se però non riprende i sensi, si tratta di emergenza con pericolo di arresto cardiaco. Sono pertanto necessarie misure d’urgenza per salvare la vita: massaggio cardiaco, respirazione artificiale, defibrillazioni ecc. DIAGNOSI: Per una diagnosi precisa, il cardiologo ha la disponibilità di alcuni esami medici. Gli esami del sangue (marker cardiaci) misurano l’eventuale danno del cuore, i livelli di zuccheri (glicemia) e di ormoni tiroidei (TSH, T3 e T4). Nelle donne giovani, infatti, l’aritmia cardiaca può essere causata dalla tiroide che funziona troppo (ipertiroidismo) o dall’anemia. L’elettrocardiogramma (ECG) registra gli impulsi elettrici del cuore e serve per capire di quale tipo di artrite si soffre. Se le aritmie sono frequenti, il medico può chiedere di indossare un ECG portatile (Holter) per 24 ore consecutive. L’ecocardiogramma con gli ultrasuoni evidenzia le dimensioni del cuore e delle valvole cardiache; mentre una radiografia del torace aiuta a scoprire se la causa dell’aritmia cardiaca è un problema legato ai polmoni. Se l’aritmia cardiaca inizia durante o dopo l’attività fisica, il medico può prescrivere un test da sforzo, che valuta come reagisce il cuore all’affaticamento fisico. L’attività cardiaca è registrata mentre si è sopra una cyclette o su un tapis roulant. Se l’artrite compare durante il test, significa che al cuore non arriva abbastanza sangue e bisogna verificare la salute delle arterie.

ARITMIA 3CURA: Le aritmie non disturbanti di solito non necessitano di trattamenti. Se però il disturbo è frequente, si può optare per una terapia: in caso di extrasistoli, con farmaci leggermente sedativi. Se non si ottengono risultati, si procede con farmaci antiaritmici. Le tachicardie sopraventricolari si cerca di interromperle quando si sono già manifestate con farmaci antiaritmici o con l’esecuzione di manovre particolari come l’immersione del volto in acqua gelata o somministrando stimoli elettrici, cercando di prevenire la ricomparsa in futuro sempre con farmaci antiaritmici. Per le tachicardie ventricolari si usano farmaci che controllano il ritmo, anche se in alcuni casi essi non sono in grado di farlo, per cui si utilizzano piccoli sondini nel cuore collegati ad un piccolo congegno elettronico in grado di capire quando è in corso la tachicardia e di inviare stimoli elettrici che la interrompono. Le brachicardie si curano impiantano un pacemaker (stimolatore cardiaco) che sostituisce i circuiti cardiovascolari rivelatisi insufficienti, in grado di variare la frequenza cardiaca in basa a quella che la persona necessita.