Cambiamenti climatici, sondaggio: il 70% degli europei è preoccupato delle conseguenze

MeteoWeb

climate_changeIl 70% degli europei è preoccupato per i cambiamenti climatici. I più consapevoli del problema sono gli svedesi (39%), i danesi (30%) e i maltesi (30%), per i quali il cambiamento climatico è il problema più grave in assoluto. Il 70% degli europei ritiene che la riduzione delle importazioni di combustibili fossili potrebbe apportare vantaggi economici per l’Ue; il 26% degli intervistati è pienamente d’accordo con questa opinione, mentre il 44% lo è parzialmente. Il paese dove si è registrato il più alto consenso totale è la Spagna (45%), seguita da Austria (40%), Cipro (38%), Irlanda (37%), Portogallo (34%) e Malta (34%).
“Non si tratta di scegliere tra un’economia florida e la protezione del clima” perché “un’azione ragionata a favore del clima corrisponde in realtà a una buona scelta economica”. Così Josè Manuel Barroso, presidente della Commissione europea, ha commentato i dati diffusi oggi da Eurobarometro su come la pensano gli europei la cui maggioranza, quasi l’80%, ritiene che il contrasto ai cambiamenti climatici sia decisivo per la ripresa economica e nuovi posti di lavoro. “Sono molto rassicurato dal fatto che anche i cittadini europei ne siano consapevoli” ha detto Barroso. “I risultati del sondaggio lanciano un forte segnale ai leader europei, spronandoli ad adottare una politica climatica coraggiosa per una ripresa economica sostenibile” ha osservato il presidente della Commissione europea. Per Barroso, infine, “il sondaggio costituisce un incoraggiamento anche per noi della Commissione, affinché continuiamo a lottare a favore di un’azione ambiziosa per il clima in Europa”.