La frammentazione di un asteroide in diretta: si è spaccato in 10 pezzi, immagini mozzafiato [VIDEO]

MeteoWeb

P 2013 R3

Per la prima volta e’ stata osservata ‘in diretta’ la frammentazione di un asteroide che si e’ spaccato in ben dieci pezzi. La scoperta, pubblicata sulla rivista Astrophysical Journal Letters, si deve a un gruppo coordinato dall’universita’ della California a Los Angeles (Ucla). L’asteroide si chiama P/2013 R3 e la sua frammentazione e’ stata fotografata dal telescopio spaziale della Nasa, Hubble. Finora solo i nuclei fragili delle comete erano stati visti farsi a pezzi quando si avvicinavano al Sole.
P2013 R3 -”Vedere questa roccia frammentarsi avanti ai nostri occhi e’ stato piuttosto sorprendente” ha detto uno degli autori, David Jewitt, dell’Ucla. A scoprire l’asteroide che sta andando in frantumi sono stati, nel settembre 2013, i telescopi americani della Catalina Sky Survey e della Pan-Starrs Survey ma la conferma e’ arrivata da Hubble che ha svelato ben dieci frammenti ed ha scoperto che ciascuno di essi ha code di polvere simili a una cometa.
I pezzi, i piu’ grandi dei quali superano i cento metri di diametro, si allontanano fra loro lentamente, circa un chilometro e mezzo all’ora. Da quando l’asteroide ha cominciato a frantumarsi, nuovi pezzi continuano ad emergere nelle immagini piu’ recenti. Questo, spiegano gli esperti, rende improbabile che l’asteroide si stia disintegrando a causa di una collisione con un altro asteroide, che al contrario sarebbe stata istantanea e violenta e avrebbe fatto viaggiare i frammenti a velocita’ piu’ elevata rispetto a quanto osservato. Secondo gli astronomi l’asteroide si sarebbe frantumato a causa del sottile effetto della luce solare che ha fatto aumentare lentamente la velocita’ di rotazione dell’oggetto. A causa delle forze centrifughe l’asteroide si e’ spaccato e i pezzi si stanno allontanando fra loro. La ragione per cui cio’ sia avvenuto e’ che P/2013 R3 doveva avere delle fratture pre-esistenti, probabilmente come risultato di numerose e antiche collisioni con altri asteroidi che non erano state distruttive.