La tempesta tropicale “Hellen” si trasforma in uno spettacolare ciclone di 2^ categoria, lambirà le coste del Madagascar con forti venti e piogge intense

MeteoWeb
Il ciclone tropicale "Hellen" mentre prende sviluppo l'occhio centrale davanti le coste nord-occidentali del Madagascar
Il ciclone tropicale “Hellen” mentre prende sviluppo l’occhio centrale davanti le coste nord-occidentali del Madagascar

Proprio nella giornata di ieri, in un ampio articolo, avevamo già parlato dello sviluppo della tempesta tropicale “Hellen”, davanti le coste dell’Africa orientale, nel tratto di mare antistante l’arcipelago delle Comore. Come avevamo già scritto nel pomeriggio di ieri, la tempesta si è sviluppata a seguito della confluenza fra la moderata ventilazione da O-NO e Ovest, che dalle coste meridionali della Tanzania spira in direzione delle isole Comore e delle coste più settentrionali del Madagascar, ed il ramo dell’Aliseo di SE, dominante sull’oceano Indiano meridionale tropicale, che sale lungo il Canale del Mozambico, con venti più da S-SE e Sud. Da tale confluenza, fra le differenti ventilazioni, si è venuto a creare un ampio moto vorticoso nei bassi strati che ha messo le basi per la formazione della depressione tropicale, poi rapidamente evoluta in tempesta tropicale. In tale contesto le calde acque del mare, che davanti le coste settentrionali del Madagascar superano la soglia dei +28.5°C +29.0°C, hanno fatto il resto, rafforzando ulteriormente la convenzione e mettendo in moto quel processo di “autoalimentazione” che facendo evolvere la depressione tropicale in una più intensa tropical storm, con venti medi sostenuti capaci di superare la soglia degli 70-80 km/h, e raffiche di picco prossime ai 90-100 km/h. Ma nel corso della nottata, la tempesta, muovendosi molto lentamente verso sud-est, avvicinandosi con il suo bordo più orientale alle coste nord-occidentali del Madagascar, si è rapidamente approfondita, per lo scoppio dell’attività convettiva, divenuta davvero esplosiva, attorno il nucleo centrale del sistema depressionario tropicale.

Rafravn308Questa rapida intensificazione dell’attività convettiva, oltre a far sprofondare il minimo barico centrale sotto la soglia dei 988 hpa, ha trasformato l’intensa tempesta tropicale in un insidioso ciclone tropicale di 1^ categoria sulla scala Saffir-Simpson, con venti medi sostenuti che hanno raggiunto la soglia dei 120-130 km/h attorno il nucleo centrale, mentre le raffiche di picco oltrepassavano anche i 140 km/h. Le ultime moviole trasmesse dai satelliti, inoltre, sono abbastanza spettacolari, poiché mettono in evidenza lo sviluppo di un piccolo occhio centrale, completamente libero dalle nubi. Più che un ciclone di 1^ categoria, dalle immagini a nostra disposizione la tempesta sta cominciando ad assumere le sembianze di un ciclone tropicale di 2^ categoria Saffir-Simpson, con venti medi sostenuti che arrivano a toccare la soglia dei 150-160 km/h e un nucleo centrale ben definito da bande nuvolose spiraliformi sempre maggiormente definite. Segno che “Hellen” proprio in queste ore ha raggiunto la piena maturità, in vista di un probabile indebolimento del sistema atteso nel corso della prossima serata/notte successiva. Il rapido sviluppo e l’esigua quantità di acque calde a disposizione in loco, visto la vicinanza delle coste del Mozambico e del Madagascar settentrionali, ha impedito la formazione di una struttura vorticosa molto ampia, e quindi veramente pericolosa per le limitrofe aree costiere.

Il ciclone tropicale "Hellen" mentre prende sviluppo l'occhio centrale davanti le coste nord-occidentali del Madagascar
Il ciclone tropicale “Hellen” mentre prende sviluppo l’occhio centrale davanti le coste nord-occidentali del Madagascar

Le tempeste di vento più violente, fortunatamente, rimangono relegate in mare aperto, nel tratto antistante le coste nord-occidentali del Madagascar, dove sono in atto burrasche di vento molto forti che stanno sollevando un imponente moto ondoso, con onde alte anche più di 5 metri all’interno dell’area perturbata. Ma il ciclone rimane ora una insidia per le coste nord-occidentali del Madagascar, che vengono appena lambite dal bordo più orientale di questo. Proprio le coste nord-occidentali del Madagascar, nel corso delle prossime ore, sperimenteranno una notevole intensificazione dei venti da NE e E-NE, attivi lungo l’angolo sinistro di “Hellen”. Forti raffiche di vento, da NE e E-NE, accompagnate da piogge e brevi rovesci, anche di forte intensità, entro la serata sono attese nel tratto di costa malgascia, compresa fra la città di Majunga e Besalampy, dove si potranno registrare raffiche fino ad oltre i 60-70 km/h. Ma nonostante l’avvicinamento alle coste nord-occidentali del Madagascar, “Hellen” non dovrebbe rappresentare una minaccia seria per l’isola-stato, visto che già dalle prossime 12 ore il suo nucleo centrale si allontanerà in direzione del Canale del Mozambico, scaricando il grosso delle piogge torrenziali e i suoi forti venti in mare aperto, a debita distanza dalle terre emerse.

si201421_satIl ciclone tropicale, dalla mattinata di domani, dovrebbe cominciare a virare verso sud-ovest, scivolando gradualmente sopra le calde acque del Canale del Mozambico, dove comincerà a perdere gran parte della sua forza, pur scorrendo sopra acque superficiali molto calde. Entro il pomeriggio di domani “Hellen”, scivolando ulteriormente verso sud e perdendo una parte della sua alimentazione caldo umida proveniente dall’entroterra della Tanzania, dovrebbe indebolirsi, fino a ridursi nuovamente in una intensa tempesta tropicale che migrerà gradualmente verso sud-ovest, a ridosso dell’imboccatura nord del Canale del Mozambico, mantenendosi a debita distanza dalle coste settentrionali malgascie e da quelle settentrionali del Mozambico, dove si verificherà solo una temporanea intensificazione dei venti da S-SE e Sud. Nel corso della giornata di martedì, quando la tempesta tropicale, molto probabilmente, verrà nuovamente declassata in una depressione tropicale che traslerà davanti le coste centrali del Mozambico.