Massacro di elefanti e rinoceronti senza precedenti in Kenya è “disastro nazionale”

MeteoWeb

KENYA-WILDLIFE-POACHINGIl massacro di elefanti e rinoceronti in Kenya da parte dei bracconieri è un “disastro nazionale” che ricorda le stragi compiute negli anni Ottanta nel paese dell’East Africa: è l’allarme lanciato dal paleontologo e animalista keniano Richard Leakey, che ha chiesto alle autorità del Kenya di adottare misure drastiche per combattere la “vergognosa impunità” dei pochi noti trafficanti.
I cacciatori di frodo godono di “uno straordinario livello di sostegno criminale internazionale, che opera con un’impunità vergognosa, uccidendo i nostri elefantie rinoceronti a un ritmo che li farà estinguere nel paese”, ha dichiarato Leakey ai giornalisti a Nairobi. “E’ un disastro nazionale – ha aggiunto – dobbiamo farci sentire e dire che non può andare avanti così”.
Il Kenya, crocevia per il commercio illegale nell’East Africa, è “il paese con il più alto tasso di traffico di avorio”, ha insistito l’esperto, ex capo del Kenya Wildlife Service (KWS), ricordando che nel paese ne sono state sequestrate 13 tonnellate solo l’anno scorso. L’aumento del bracconaggio, con i rinoceronti ammazzati anche nelle zone più sicure, dimostra che i killer non temono le nuove leggi più dure, create appositamente per arginare l’ondata di uccisioni. Secondo Leakey, 69 anni, “il problema riguarda pochi criminali, i capi delle reti sono noti”, con circa 20-30 persone che ordinano le stragi, ma nessuno di loro è stato arrestato. In base a un recente studio di Wildlife Direct, gruppo ambientalista keniano, appena il 4% dei bracconieri condannati hanno scontato parte della pena in carcere. Secondo Leakey la situazione “è molto simile” al bracconaggio di massa compiuto negli anni Ottata. I cacciatori di frodo hanno massacrato nel 2013 il doppio del numero di rinoceronti uccisi l’anno prima, secondo i dati del governo. Almeno 59 rinoceronti sono stati uccisi per i loro corni l’anno scorso, in confronto ai 30 ammazzati nel 2012, mentre 16 sono già stati massacrati dall’inizio del 2014. Il numero degli animali uccisi, secondo l’esperto, è più alto di quello che suggeriscono le statistiche ufficiali. Secondo i dati del governo, il numero elefanti uccisi è calato, con 384 pachidermi uccisi nel 2012, in confronto ai 302 uccisi nel 2013.