Salute: i virus diventano globali, ecco due strategie per combatterli

CoronavirusI virus, compresi quelli pericolosi per l’uomo, diventano sempre piu’ ‘global’ e la loro diffusione deve essere controllata con una doppia strategia: da un lato vanno controllati gli spostamenti in aereo dalle zone colpite da un’epidemia e parallelamente va tenuta d’occhio l’eventuale diffusione attraverso il cibo.

Questa la doppia sfida proposta dalla virologa Ilaria Capua, nella conferenza su virus e globalizzazione organizzata a Roma dall’Accademia dei Lincei. Il Mers (sindrome respiratoria mediorientale da Coronavirus) segnalato per la prima volta nel 2012 e’, insieme alla nuova influenza aviaria, ”indicativa del fatto che la circolazione dei virus fra uomini animali e la globalizzazione sono fattori sempre piu’ interconnessi e determinano scenari sempre piu’ complessi”, ha dichiarato. ”Le due grandi sfide attuali sono quindi la tracciabilita’ degli spostamenti delle persone e la tracciabilita’ all’interno della catena di distribuzione alimentare”. Soltanto in questo modo diventa possibile, per esempio, ricostruire i passaggi attraverso i quali il virus della Mers ha viaggiato dai cammelli dell’Egitto fino a fare il giro del mondo”. Negli ultimi anni ”l’incremento delle malattie infettive causate da agenti patogeni che trovano il loro serbatoio negli animali e che possono trasmettersi all’uomo, e’ diventata una emergenza sanitaria“.