Salute, studio: una dieta ricca di proteine può essere nociva quanto il fumo

MeteoWeb

carne02Una dieta ricca di carne, uova e latticini potrebbe fare male all’organismo almeno tanto quanto fumare. A sostenerlo sono i risultati di un nuovo – per alcuni nutrizionisti controverso – studio americano, condotto nell’ambito del National Health and Nutrition Examination Survey, un programma di ricerca statistica sulla salute del governo federale. Un alto livello di proteine animali nella dieta – secondo lo studio – potrebbe aumentare il rischio di sviluppare tumori o forme di diabete mortali.
A mettere in pericolo la longevità sarebbero principalmente le persone di mezza età, dai 50 anni in su. Stando alle teorie dello studioso di origini genovesi Valter Longo, direttore del Longevity Institute dell’University of Southern California, nell’arco della giornata non si dovrebbero ingerire più di 0,8 grammi di proteine per ogni chilogrammo del proprio peso corporeo, privilegiando quelle vegetali. “Bisognerebbe passare a una dieta in cui solo il 9 o 10 per cento delle calorie deriva dalle proteine”, ha spiegato lo studioso al Guardian.
“Osservate per un paio di mesi le etichette degli alimenti. Ci sono proteine un po’ ovunque”, ha detto. “Se fai colazione, si ingeriscono magari 4 grammi, ma se si mangia un pezzo di pollo anche 50 grammi”, ha chiarito. Il problema, ha spiegato Longo al Guardian, è che le proteine animali aumentano il livello dell’ormone della crescita IGF-1, spesso legato allo sviluppo del cancro. Esperto anche in geriatria, Longo ha comunque specificato che superati i 65 anni è consigliabile mangiare qualche proteina in più, a causa della diminuzione naturale dei livelli di IGF-1 e della crescente debolezza.