Scilipoti torna a colpire: “abolire il segreto di stato sulle scie chimiche, alto rischio per la salute dei cittadini”

scie chimicheIl senatore di Forza Italia Domenico Scilipoti, siciliano di Barcellona Pozzo di Gotto noto per aver “sposato” le posizioni berlusconiane dopo che era stato eletto in parlamento con l’Italia dei Valori di Antonio Di Pietro, torna a stupire e oggi ha chiesto di abolire il segreto di stato sulle scie chimiche, dopo che già nella scorsa legislatura aveva presentato un’interrogazione sul tema. Dopo la desecretazione delle audizioni del pentito Schiavone che hanno permesso di individuare i traffici di rifiuti nella terra dei fuochi e la richiesta di declassificare gli atti riguardanti la morte di Ilaria Alpi, adesso il senatore di Forza Italia torna a chiedere l’abolizione del segreto di stato sulle scie chimiche sperando di svelare intrighi internazionali orditi ai danni della cittadinanza.

scilipotiNel 2002 – scriveva – l’Italia (nella persona di Vittorio Prodi) e gli Usa hanno sottoscritto un accordo bilaterale sulla ricerca climatica; nel 2003 l’ex ministro Martino autorizza le forze Usaf a sorvolare gli spazi aerei italiani“. Da quel momento secondo il senatore di Forza Italia, il nostro Paese si sarebbe esposto ad un alto rischio per la salute dei cittadini. “Le scie chimiche rilasciate dagli arei in volo disperderebbero metalli pesanti nell’aria, provocando l’inquinamento delle piogge con danni sull’agricoltura“, secondo il senatore forzista.

Non ci sono parole. Il nostro senatore non solo parla di scie chimiche, ma addirittura di “segreto di stato“… La saga dei “complottisti in parlamento” continua!