Scienza e terremoti: il 19 marzo inizia l’anno “Mercalliano”, dedicato a Giuseppe Mercalli

MeteoWeb

Giuseppe MercalliUna mostra itinerante, concerti, una campagna di comunicazione, sul rischio sismico e vulcanico: sono alcune delle iniziative previste per l’Anno Mercalliano, per ricordare a cento anni dalla morte Giuseppe Mercalli, sismologo e vulcanologo, ideatore della ‘scala’ che misura gli effetti dei terremoti. Un percorso lungo un anno, promosso dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), che avra’ inizio mercoledi’ 19 marzo a Napoli, citta’ dove Mercalli e’ scomparso, il 18 marzo del 1914. L’anno Mercalliano si concludera’ a Milano, citta’ natale di Giuseppe Mercalli, nell’ambito dell’Expo 2015, passando per Roma, Catania, Isole Eolie, Genova e Torino. ”Il nome Mercalli evoca immediatamente la ‘misura’ degli effetti dei terremoti” osserva il presidente dell’Ingv, Stefano Gresta. ”Sappiamo bene – aggiunge – che l’unico modo per difenderci da questi eventi e’ la ‘prevenzione’, ovvero realizzare edifici in grado di resistere alle sollecitazioni sismiche, sviluppare una migliore conoscenza del fenomeno terremoto e, non ultimo, una informazione mirata ed efficace ai cittadini”. Mercalli, rileva il direttore dell’Osservatorio Vesuviano-Ingv, Giuseppe De Natale, ”ebbe sempre chiaro un obbiettivo fondamentale: lo studio dei fenomeni naturali estremi alla base della salvaguardia delle popolazioni a rischio. In questo senso fu un precursore dei concetti piu’ moderni di Protezione Civile”. La cerimonia inaugurale si svolgera’ tra il Convitto Nazionale, il Conservatorio di musica San Pietro a Maiella, il Liceo Vittorio Emanuele II, dove lo scienziato insegno’ prima di diventare direttore dell’Osservatorio vesuviano. ”Scienziato ed educatore brillante dagli innumerevoli interessi culturali, Giuseppe Mercalli era appassionato di vulcanologia” sottolinea De Natale. Per questo, aggiunge, ”emigro’ al Sud, la terra dei vulcani, e si stabili’ a Napoli”. Per conoscere Mercalli attraverso curiosita’ e aneddoti l’Ingv ha anche aperto il profilo Twitter @g_mercalli