Scienza: scoperto nei moscerini il gene che coadiuva il sonno

MeteoWeb

mosceriniGrazie ad una serie di esperimenti effettuati sui moscerini della frutta affetti da “insonnia”, un team di ricercatori della Johns Hopkins University ha scoperto un gene mutante – soprannominato “wide awake” – che sabota i processi utilizzati dall’orologio biologico per regolare le tempistiche del sonno. La scoperta ha permesso di identificare anche una proteina prodotta dalla copia normale del gene che favorisce il sonno nelle prime ore della notte, coordinando correttamente i cicli del sonno. “Abbiamo scoperto la prima proteina che traduce le informazioni temporali provenienti dall’orologio circadiano del corpo e le utilizza per regolare il sonno“, ha spiegato Mark N. Wu, tra gli autori della ricerca pubblicata sulla rivista Neuron.

La speranza e’ che un giorno manipolando il gene e la proteina correlata si possa curare l’insonnia o aiutare a dormire meglio le persone che svolgono lavori notturni.