Terremoto di oggi tra Marche e Umbria, continua lo sciame sismico di Gubbio [DATI e MAPPE]

MeteoWeb

gubbioCon le due scosse di stasera, la più forte di magnitudo 3.4 alle 22:21 proprio a Gubbio, continua lo sciame sismico che da molti mesi sta interessando la zona al confine tra Umbria e Marche, proprio nel bacino della cittadina umbra in provincia di Perugia. Nel mese di febbraio, il maggior numero di terremoti italiani si è verificato proprio nell’area del Bacino di Gubbio dove la sequenza è ancora molto attiva. Sono stati poco più di 2000 gli eventi registrati nel mese scorso, la maggior parte di magnitudo minore di 2.0: il più forte è stato quello di magnitudo 3.0 del 5 febbraio, molto vicino al centro abitato. Anche la scossa di stasera è stata molto vicino al centro abitato: come possiamo osservare nella mappa a corredo dell’articolo, si tratta di una scossa particolarmente vicina alla zona abitata rispetto a tutte le altre dello sciame sismico dei mesi scorsi.

La sequenza sismica nell’area del Bacino Gubbio nel mese di febbraio 2014. Oltre 2000 gli eventi registrati dalla Rete Sismica Nazionale, tutti di bassa magnitudo
La sequenza sismica nell’area del Bacino Gubbio nel mese di febbraio 2014. Oltre 2000 gli eventi registrati dalla Rete Sismica Nazionale, tutti di bassa magnitudo

Anche a gennaio le scosse nella zona erano state circa 2.000, la maggior parte di magnitudo minore di 2 e cinque sono stati di magnitudo superiore a 3. Il più forte era stato quello di magnitudo 3.4 del 7 gennaio, il più forte dell’anno insieme a quello di stasera.
Da parecchi mesi, ricorda l’Ingv, l’area e’ interessata da una sequenza che complessivamente ha avuto piu’ di 9.500 terremoti da gennaio 2013. I terremoti di questi mesi sono stati risentiti dalla popolazione di Gubbio, Pietralunga e di altri comuni limitrofi in provincia di Perugia che hanno manifestato, spiega l’Ingv, il bisogno di essere informati sulle caratteristiche del fenomeno in atto, i suoi effetti e sui comportamenti corretti da adottare in situazioni di rischio. Sono state quindi avviate delle iniziative di informazione rivolte alla popolazione e al mondo della scuola proprio per rispondere a questa esigenza.
La scossa di stasera è stata avvertita da Ancona a Perugia, ma in modo particolare a Gubbio, Fabriano, Foligno, Umbertide, Frontone e Fossato di Vico.