Alluvione nei Balcani: il livello del Danubio è il aumento

MeteoWeb

danubio notteIl livello delle acque del Danubio è in aumento, dopo le precipitazioni nei Balcani, tuttavia le autorità sperano che il fiume risparmi la regione, già devastata dalle inondazioni. L’istituto idrico della Serbia ha affermato che i livelli del Danubio saliranno nei prossimi mesi ma dovrebbero rimanere nei limiti delle difese per le inondazioni, anche se vi affluiscono fiumi ingrossati più piccoli, come il Sava. Le autorità nelle città e nei villaggi lungo il Danubio hanno fatto sapere che stanno monitorando la situazione da vicino. Le inondazioni in Serbia, Bosnia e Croazia nei giorni scorsi hanno costretto mezzo milione di persone a lasciare le loro case, e hanno provocato più di 30 morti. In Serbia gli allagamenti minacciano la più grande centrale elettrica del Paese, mentre in Bosnia alcuni campi minati lasciati dalla guerra si sono spostati. Sia Serbia che Bosnia hanno chiesto l’aiuto internazionale, parlando di miliardi di danni causati dalle inondazioni. I due Paesi non si sono ancora ripresi del tutto dalle guerre degli anni 90, che hanno causato la morte di 100mila persone e hanno lasciato milioni di persone senza casa. In Bosnia molte persone che avevano ricostruito le loro case dopo la guerra hanno affrontato una nuova calamità con le inondazioni. Il governo ha reso noto oggi che sta considerando la possibilità di assegnare terre gratuitamente per compensare parzialmente i cittadini per i danni subiti. La Bosnia ha dichiarato oggi un giorno di lutto, mentre il governo serbo lo ha annunciato per i giorni da mercoledì a venerdì. Le autorità serbe hanno evacuato la città di Obrenovac, dove si trova un’importante centrale elettrica. Il primo ministro Aleksandar Vucic ha riferito che difese aggiuntive sono state costruite nella notte intorno alla centrale, minacciata dal fiume Sava, che successivamente si riversa nel Danubio vicino alla capitale Belgrado. La centrale a Obrenovac rifornisce di elettricità la metà della Serbia e la maggior parte di Belgrado. Adesso lavora con capacità ridotta perché anche la vicina miniera a carbone che utilizza è stata allagata.