Ambiente: le balene nutrono l’ecosistema degli oceani

MeteoWeb

balena biancaSi e’ creduto a lungo che le grandi dimensioni delle balene e il loro enorme appetito fossero un aggravio per l’ecosistema degli oceani, ma una nuova ricerca australiana mostra invece che le feci delle balene ricche di ferro forniscono infatti importanti sostanze nutrienti alla vita marina. E la grande quantita’ di deiezioni, che raggiungono subito la superficie dell’acqua, significa che possono fertilizzare vaste aree. “I mammiferi marini, balene e delfini, sono i soli animali nell’oceano che defecano in superficie, conservando l’energia per le sole funzioni metaboliche quando vanno in immersione” scrive la ricercatrice Trish Lavery dell’Universita’ Flinders di Adelaide, sulla rivista Marine Mammal Science. “A differenza delle altre specie marine, le loro feci sono liquide e si trattengono in superficie piuttosto che affondare. Questo assicura che le sostanze nutrienti, particolarmente ferro e azoto, siano disponibili per il fitoplancton, la base della catena alimentare degli oceani”. “In superficie si trova tutta la flora microscopica dell’oceano. Perche’ avvenga la fotosintesi e’ necessaria la luce del sole, quindi la flora fotosintetica si concentra in superficie, dove puo’ usare sia i nutrienti sia la luce del sole”, aggiunge. I modelli scientifici passati ipotizzavano che le sostanze nutrienti della preda consumata dalle balene andassero perdute per l’ecosistema marino e che le balene ne consumassero piu’ di quelle che ‘restituivano’. “Per molto tempo si e’ pensato che le balene avessero un effetto negativo sulla produttivita’ marina, mangiando grandi quantita’ di preda”, osserva Lavery, che ha dedicato sei anni a ricercare l’impatto delle balene sulle riserve ittiche nell’Oceano Meridionale. “E’ invece vero che le balene sono in armonia con il loro ambiente”. La ricercatrice ricorda inoltre che il declino globale negli ecosistemi marini in passato si e’ verificato nello stesso periodo in cui le popolazioni di balene erano decimate dalla caccia industriale alle balene.