Ambiente: Enea avvia impianto che trasforma la CO2 in metano

MeteoWeb

ENEAE’ entrato in funzione presso il Centro Ricerche Casaccia Fenice il primo impianto dimostrativo italiano per la trasformazione di CO2 in combustibile. La possibilita’ di convertire l’anidride carbonica in combustibile e’ una delle soluzioni per limitare le emissioni in atmosfera. L’ENEA e’ tra i principali attori nello studio sul trattamento della CO2, e in particolare, presso il Laboratorio Processi per la Combustione Sostenibile e’ da tempo attivo un gruppo di ricerca che studia la conversione di CO2 in metano, combustibile fra i meno inquinanti. Fenice e’ stato realizzato dopo attivita’ condotte su piccoli sistemi sperimentali in scala laboratorio. Si tratta di un impianto che, lavorando ad alte pressioni e a temperature di circa 200 °C, rivitalizza il carbonio presente nella CO2 attraverso la sua riduzione con idrogeno: dalla reazione si ottiene metano ed acqua. L’elettrolizzatore, che l’impianto utilizza per la produzione di idrogeno, puo’ essere alimentato da fonte rinnovabile, come i pannelli fotovoltaici o i generatori eolici, consentendo l’immagazzinamento dell’energia solare sotto forma chimica. Questa metodologia di stoccaggio presenta, oltre ai benefici di natura ambientale, significativi vantaggi in termini di versatilita’, in quanto il metano prodotto puo’ essere utilizzato in vari modi sia per uso locale che per la distribuzione in rete. Attualmente l’impianto puo’ produrre 250 NL/h di metano, ma le sue potenzialita’ sono molto superiori. Inoltre, nello stesso impianto, utilizzando opportuni catalizzatori, si puo’ produrre anche metanolo e dimetil-etere (DME). Questi ultimi sono considerati combustibili alternativi per autoveicoli dalle ottime qualita’ e dal basso impatto ambientale. Il sistema e’ caratterizzato da un’elevata flessibilita’ ed e’ in grado di sperimentare la tecnologia per diverse applicazioni, tra cui la valorizzazione energetica di siti di rilascio spontaneo delle CO2 , di cui l’Italia e’ ricca per presenza di vulcani sul suo territorio. Il nome di questo impianto si ispira al mitologico uccello dell’Araba fenice, che rinasce dalle proprie ceneri dopo la morte, a voler cosi’ simboleggiare la rigenerazione del combustibile a partire dal principale prodotto di combustione.