Ambiente: i rifiuti di plastica raggiungono anche i 4500 metri di profondità in mari e oceani

MeteoWeb

plasticainmareI rifiuti sono dappertutto, anche nelle profondita’ oceaniche. A scoprire bottiglie, sacchetti di plastica, reti da pesca e altri tipi di rifiuti, uno studio degli esperti dell’Universita’ di Barcellona, guidati da Miquel Canals. La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista ‘PLoS ONE’. I ricercatori hanno condotto una ‘survey’ del fondo marino nel Mediterraneo, nell’Atlantico e nei mari artici, descrivendo la presenza di rifiuti umani a tutte le profondita’, da 35 metri a 4500 metri. I piu’ diffusi sono oggetti di plastica e attrezzi da pesca. Inoltre, sui fondali si trovano anche materiali come legno, carta e cartone, vestiti, ceramiche e oggetti non identificati, oltre a vetro e metallo. “Alcuni siti sembrano autentiche discariche. Abbiamo trovato ovunque oggetti di vario genere: solidi di plastica, lattine, ma anche microplastiche generate dal degrado della plastica. In particolare, nelle aree in cui c’e’ grande attivita’ di pesca abbiamo soprattutto trovato attrezzi da pesca abbandonati”, ha commentato Canals.