Ambiente: strumenti e strategie per fronteggiare l’erosione costiera

MeteoWeb

FBL-WC2014 -BRAZIL-FINAL-DRAWGli esiti del “Dialogo sull’erosione costiera: ricerca, impatti e strategie” che si è svolto a Lecce il 29 maggio, hanno portato alla redazione di un  documento di sintesi scientifica che raccoglie gli argomenti salienti emersi dalla  discussione e che è stato presentato dall’on. Loredana Capone (Regione Puglia,  Assessore Sviluppo Economico), Antonio Gabellone (Presidente Provincia di  Lecce), Giovanni Refolo (Provincia di Lecce, Direttore Generale), Paolo Perrone  (Sindaco di Lecce), Alessandro Delli Noci (Comune di Lecce, Assessore all’Innovazione)  e Antonio Navarra (Presidente CMCC).  Organizzato dal CMCC (Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici), l’incontro  è stato un’occasione di scambio di idee e prospettive su un tema che è di grande attualità. Sull’argomento si sono confrontate competenze e conoscenze diverse come  quelle di istituzioni regionali e locali che lavorano all’analisi di criticità e alla pianificazione  territoriale, istituzioni per la tutela ambientale, istituzioni che hanno il compito di garantire la tutela e la sicurezza del mare e delle coste, esponenti di alcuni tra i maggiori centri di ricerca italiani che si occupano dell’argomento, rappresentanti del mondo delle imprese e delle attività produttive, di associazioni e della società civile.  C’è una parola che dovremo abituarci a sentire e ad utilizzare negli anni a venire: questa  parola è resilienza ed indica la capacità di fare in modo che un sistema risponda ad un evento avverso senza peggiorare o modificare la qualità della vita e dell’ambiente in cui si  svolge. Si tratta di un concetto che, introdotto dal Prof. Alan Blumberg dello Stevens  Institute of Technology di New York, è molto importante per affrontare il tema  dell’erosione costiera che è un fenomeno complesso, caratterizzato da componenti  naturali su cui influiscono le attività umane e altri fattori come ad esempio i cambiamenti  climatici che intensificano i processi di erosione e i loro impatti. Per fronteggiare un simile  problema, è emerso dalla discussione, è necessario considerare un processo che si  compone di diverse fasi e che chiama in causa la conoscenza scientifica, la sfera delle  decisioni pubbliche ma anche l’opinione pubblica e il mondo della comunicazione perché  è molto importante capire in che modo si comunica il tema e come questo sia percepito  dalle persone.  Così come il tema dell’erosione si configura come un argomento particolarmente  complesso – che interseca competenze scientifiche, di gestione del territorio, ma anche fattori culturali e ambientali – l’approccio scientifico deve essere necessariamente  multidisciplinare e, con l’ausilio delle più avanzate innovazioni tecnologiche, fornire  strumenti che consentano di assumere decisioni in maniera tempestiva e che siano valide a lungo nel tempo.  La lista dei possibili strumenti utili a fronteggiare gli impatti dell’erosione costiera include  una serie di tecnologie e servizi tra cui la pianificazione territoriale fondata su conoscenze  scientifiche aggiornate e affidabili, la realizzazione di sistemi di supporto alle decisioni  (DSS) per la gestione delle emergenze, sistemi di monitoraggio satellitari e in situ,  strategie di adattamento che prevedano interventi per la riduzione del rischio.  Composto da sessioni scientifiche, dibattiti e una tavola rotonda finale, l’incontro  “Dialogo sull’erosione costiera: ricerca, impatti e strategie” è stata una fruttuosa  occasione di scambio di idee e di esperienze, un primo passo verso la costruzione di una  lingua comune, che sappia far parlare tra loro le diverse competenze che possono  contribuire a trovare soluzioni al complesso problema dell’erosione costiera.