Aviaria: il virus H10N8 ha maggiori affinità con le cellule degli uccelli

MeteoWeb

VIRUS H1N1L’H10N8 e’ il piu’ recente esempio di virus dell’influenza aviaria che ha infettato gli esseri umani. Una nuova ricerca pubblicata su ‘Nature’ mostra che questo microrganismo presenta una maggiore preferenza per il legame, e quindi l’infezione, con le cellule degli uccelli. Lo studio e’ stato condotto dagli scienziati dell’MRC National Institute for Medical Research di Londra. Attualmente si ritiene che l’H10N8 non sia trasmissibile da uomo a uomo e per diventarlo occorrerebbe che il virus mutasse fino a arrivare a una preferenza di legame con cellule umane. Proprio per studiare il potenziale di adattamento all’uomo del virus H10N8, Steven Gambline e collegi hanno analizzato la struttura e le caratteristiche della proteina in grado di legarsi ai recettori della superficie delle cellule (chiamata emoagglutinina) dei virus aviari H10. I risultati hanno mostrato che il virus ha un’affinita’ di legame 150 volte piu’ stretta con le cellule degli uccelli rispetto a quella che ha con le cellule dell’essere umano.