California: l’esaurimento delle falde acquifere può indurre terremoti

MeteoWeb

san_andreas5In California terremoti innescati dai sistemi di irrigazione eccessiva: a lanciare l’allarme e’ un nuovo studio su Nature, che sottolinea come il pompaggio delle acque sotterranee nella cintura agricola dello stato americano potrebbe mettere sotto pressione la faglia di Sant’Andrea, aumentando potenzialmente il rischio di futuri piccoli sismi. L’analisi, guidata da Colin Amos della Western Washington University, ha utilizzato i dati provenienti dalle reti GPS per analizzare i piccoli movimenti nella Central Valley e sulle montagne circostanti. L’indagine suggerisce che le attivita’ umane “possono causare un significativo sbloccaggio del vicino sistema della faglia di Sant’Andrea” attraverso la flessione della crosta terrestre e del mantello superiore. Le letture GPS hanno infatti scoperto che parti del pavimento della San Joaquin Valley – cuore dell’industria agricola dello stato – sono affondate per decenni per colpa del progressivo impoverimento della falda acquifera sottostante; e’ stato stimato che circa 160 chilometri cubi di acqua siano andati persi negli ultimi 150 anni per colpa dell’irrigazione, pompaggio ed evaporazione ed il tasso di esaurimento sta accelerando negli anni. Secondo gli scienziati, questo movimento verso il basso della valle che provoca conseguentemente una flessione verso l’alto dei terreni circostanti (Sierra Nevada e costa), ha prodotto lievi variazioni di tensione sulla Faglia di Sant’Andrea ed e’ in grado di innescare piccole scosse sismiche. Rimane tuttavia ancora non chiaro se le sollecitazioni a lungo termine hanno alcuna influenza sui futuri grandi terremoti lungo la faglia.