Energia: Europa divisa sul fracking, la controversa tecnica di estrazione di idrocarburi

MeteoWeb

fracking_1La crisi in Ucraina e la minaccia di tagli alla fornitura di gas da parte della Russia, da dove arriva un terzo di tutta l’energia consumata in Europa, hanno di nuovo messo al centro dell’attenzione il fracking, o fratturazione idraulica, una controversa tecnica di estrazione di idrocarburi non convenzionali che ha suscitato molti dubbi circa il suo impatto sull’ambiente. La tecnica estrae il gas dagli strati geologici pompando acqua ad alta pressione mista a solventi. La procedura, affermano gli ambientalisti, rischia di inquinare le falde acquifere e provocare terremoti. David Cameron, il primo ministro britannico, ha colto l’occasione per ricordare l’enorme dipendenza energetica dal gas russo in Europa. Il suo governo ha annunciato all’inizio di quest’anno che il 64 per cento del sottosuolo contiene gas estraibile grazie a questa tecnica. Mentre il Regno Unito la abbraccia, gli altri partner europei, tra cui la Francia, sono profondamente contrari. Il fracking divide cosi’ tanto gli stati membri dell’Ue che la Commissione si e’ rifiutata a gennaio di regolamentarlo e ha semplicemente consegnato una serie di raccomandazioni molto poco concrete. Il boom del fracking negli Stati Uniti ha fatto si’ che molti governi europei si siano convinti ad esplorare il proprio sottosuolo. Tra questi c’e’ anche la Spagna, ricorda il quotidiano di Madris “El Pais”. il ministro dell’Industria, Jose’ Manuel Soria, ha manifestato piu’ volte in pubblico il proprio sostegno alla ricerca attraverso questa tecnica. Il governo ha concesso negli ultimi anni decine di permessi per ricercare idrocarburi, per lo piu’ gas non convenzionale. Finora nessun pozzo e’ ancora stato scavato.