Legambiente: 236 comuni a rischio nelle Marche

MeteoWeb

legambiente“Uscire dall’emergenza e programmare la messa in sicurezza del territorio: sono questi gli obiettivi urgenti per il nostro territorio che amministratori, cittadini e forze sociali devono raggiungere insieme”. Cosi’ Luigino Quarchioni e Francesca Pulcini, rispettivamente presidente e vice presidente di Legambiente Marche, commentano l’ennesima emergenza maltempo che in questi giorni ha toccato la Regione. “Nonostante questi eventi siano sempre piu’ frequenti – continua Legambiente -, al momento di decidere dove e come investire le principali risorse per questa Regione, vincono sempre le grandi infrastrutture che invece di rendere piu’ sicuro, forte e competitivo il nostro territorio, lo indeboliscono e lo rendono piu’ fragile allontanando sempre la vera grande opera di cui le Marche hanno bisogno, cioe’ la messa in sicurezza”. Legambiente ricorda che secondo i dati del ministero dell’Ambiente sono 236 i Comuni marchigiani classificati a rischio idrogeologico di cui 124 a rischio frana, uno a rischio alluvione e 111 a rischio frana e alluvione. Secondo lo studio sul consumo di suolo nella costa marchigiana realizzato da Legambiente, il paesaggio costiero della Regione ha conosciuto negli ultimi decenni una forte urbanizzazione che oggi vede circa il 60% della fascia litoranea scomparsa sotto il cemento.