Salute: ADHD, gli stimolanti ridurrebbero il rischio di dipendenza da fumo

MeteoWeb

TOSSE FUMO DIPINTO - CopiaIl trattamento del disordine da deficit di attenzione e iperattivita’ (Adhd) con farmaci stimolanti potrebbe ridurre il rischio di sviluppare la dipendenza dal fumo. A rivelarlo un nuovo studio condotto da Scott Kollins e colleghi della Duke University, pubblicato sulla rivista Pediatrics. “Gli individui con Adhd hanno maggiori probabilita’ di fumare. Il nostro studio supporta l’idea che un trattamento con stimolanti potrebbe ridurre la probabilita’ di fumare nei giovani con Adhd”, ha dichiarato Kollins. “Il rischio si abbassa ulteriormente quando l’aderenza al trattamento farmacologico e’ consistente, presumibilmente perche’ esso aumenta le probabilita’ che i sintomi sono gestiti in modo efficace”, ha aggiunto. I ricercatori hanno sottolineato che quella individuata, ossia una relazione tra trattamento con stimolanti e piu’ bassi tassi di fumo, e’ solo un’associazione ma non una relazione causale e occorreranno ulteriori studi per determinare se le attuali raccomandazioni sul trattamento con stimolanti possono aiutare efficacemente a ridurre il rischio di sviluppare la dipendenza dal fumo nei pazienti con Adhd.