Salute: l’impulsività è un fattore di rischio per l’obesità

MeteoWeb

OBESITA' CRISI - CopiaL’impulsivita’ potrebbe essere un fattore di rischio per lo sviluppo di dipendenze alimentari e obesita’, secondo un nuovo studio promosso dalla Boston University School of Medicine (BUSM) in collaborazione con la University of Cambridge. La ricerca ha dimostrato che le persone impulsive fanno decisamente piu’ fatica a inibire il desiderio di abbuffarsi a tavola anche quando sono pienamente coscienti dei rischi correlati a una cattiva alimentazione. La ricerca, pubblicata online su Neuropsychopharmacology, ha scoperto che la maggior vulnerabilita’ alle diete ipercaloriche e’ innescata anche da specifiche caratteristiche cerebrali: un aumento dell’espressione di un fattore di trascrizione chiamato Delta FosB nel nucleus accumbens, area del cervello coinvolta nella valutazione delle ricompense e nel comportamento impulsivo. In pratica, ci sarebbe una componente biologica dietro l’impulsivita’ che impedisce ad alcune persone di dire “no” alle tentazioni alimentari. “Mentre l’impulsivita’ potrebbe aver aiutato i nostri antenati a scegliere cibi ricchi di calorie quando le risorse erano scarse – ha spiegato Pietro Cottone della BUSM – i nostri risultati suggeriscono che nell’ambiente ricco di calorie odierno l’impulsivita’ promuove un eccesso patologico di assunzione di cibo”.