Salute: ogni settimana 1 bimbo muore soffocato, ecco il video salvavita per le mamme

MeteoWeb

mamma e bimbo dopo partoCinquanta vittime all’anno, una a settimana. E’ il triste bilancio dei bimbi italiani che muoiono soffocati da un boccone o da un oggetto andato di traverso. I piu’ a rischio sono i piccoli dai 12 ai 36 mesi. Per salvarli basta conoscere poche e semplici manovre in grado di liberare le vie respiratorie dal corpo estraneo che le ha bloccate invece di scivolare nell’esofago. Addestrare ‘supermamme’ pronte all’intervento in caso di emergenza e’ il nuovo obiettivo dell’associazione Trenta ore per la vita, che in occasione della festa di domenica 11 maggio regala a tutte le mamme un video-tutorial sui 12 gesti da compiere per la disostruzione delle vie aeree nel lattante e nel bambino. ‘Istruttrice’ d’eccezione Lorella Cuccarini, socio fondatore e testimonial di Trenta ore per la vita. “Una donna che ha perso il marito si chiama vedova, mentre in caso contrario e’ l’uomo a diventare vedovo. Se a un bimbo muoiono i genitori diventa orfano, ma se ai genitori muore un bimbo non esiste nessun nome che contraddistingua questo status”, riflette l’associazione. “Sono i ‘senza nome’, perche’ in duemila anni di storia l’uomo non ha coniato un termine per cio’ che e’ contro la natura della vita stessa”. Le manovre salvavita offerte in dono alle mamme sono regolate dalle linee guida internazionali in materia. Il video e’ stato realizzato in collaborazione con Marco Squicciarini, medico esperto di tecniche di rianimazione di base. Lo specialista e Lorella Cuccarini promuoveranno insieme nella mattina di domani, mercoledi’ 7 maggio, una maratona su Twitter per divulgare in rete il video-tutorial. Per seguire il livetweeting e’ stato creato l’hashtag #dilloamamma. E’ possibile scaricare il filmato sul sito www.trentaore.org.