Smog: a Milano 1 scuola su 2 esposta ad alti livelli di PM10

MeteoWeb

milano“Sono 583, il 52,7% del totale, le scuole del Comune di Milano che si trovano a meno di 75 mt da arterie stradali ad alta percorrenza (ovvero con flussi di oltre 10.000 veicoli al giorno), per un totale di oltre 108 mila studenti esposti ogni giorno ad elevati livelli di agenti inquinanti (il 56,2% degli alunni delle scuole milanesi)”. La denuncia arriva dall’associazione Genitori antismog, che ha raccolto i dati forniti da Amat (Agenzia mobilita’, ambiente e territorio del Comune di Milano, ndr). I dati evidenziano “un’esposizione al traffico di prossimita’ diffusa in tutta la citta’, con un picco fra gli studenti della scuola primaria: il 59% degli alunni delle scuole elementari frequenta un istituto posto a meno di 75 mt da strade particolarmente trafficate, e a meno di 100 mt il 67,6% degli alunni”. Un’ulteriore riflessione, segnalano i Genitori antismog, merita il dato relativo ai piu’ piccoli, ancora piu’ sensibili all’effetto degli inquinanti: “almeno il 53% dei bambini di Milano da 0 a 10 anni e’ esposto agli inquinanti generati dal traffico ravvicinato per molte ore al giorno”. Questi dati “non includono i bambini che frequentano i nidi privati accreditati e alcune scuole private (dati demografici non disponibili)- sottolinea l’associazione- ed e’ quindi di fatto probabile che il numero di bambini esposti al traffico sia addirittura superiore a quello calcolato. Inoltre, i dati si riferiscono alla presenza di almeno un’arteria ad alto traffico in prossimita’ delle scuole, ma nella realta’ e’ possibile che alcuni istituti siano esposti a piu’ di un’arteria ad alto flusso, e che il conteggio dell’esposizione totale risulti quindi sottostimato”. “La buona notizia e’ che questi stessi dati suggeriscono che Area C di Milano sia di notevole efficacia nel ridurre i livelli di esposizione al traffico della popolazione- rileva l’associazione Genitori antismog- ben il 74% degli studenti che frequentano scuole all’interno di Area C sono esposti a flussi di traffico al di sotto dei 10.000 veicoli giorno nei 75 metri, contro il 39% di quelli che invece frequentano istituti posti fuori da Area C”. I risultati mettono in luce una situazione di traffico urbano “allarmante per il numero di veicoli che percorrono le nostre strade ogni giorno e per la prossimita’ della popolazione infantile alle emissioni di scarico dei veicoli- continua l’associazione- a fronte di questa situazione chiediamo ai cittadini di condividere con noi l’impegno a ridurre il piu’ possibile l’uso dell’auto in citta’. Il nostro appello va poi al Comune, perche’ intervenga in tempi rapidi per ridurre l’esposizione della popolazione, e in particolare di quella infantile, agli inquinanti dell’aria”.